Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Vigevano

"Scuole sicure" con i percettori del reddito di cittadinanza

Sono 11 i cittadini che assistono bambini e genitori vicino agli attraversamenti pedonali.

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

25 Ottobre 2021 - 12:17

A Vigevano i percettori di reddito di cittadinanza che hanno aderito al progetto sono 11, ma presto se ne aggiungeranno altri. L'amministrazione comunale conta infatti di arrivare a 18 volontari, che si affiancheranno alla polizia locale nei servizi davanti alle scuole durante gli orari di entrata e di uscita.

"Scuole sicure", partito lo scorso anno, è uno dei Puc (progetti utili alla collettività) avviati dal comune di Vigevano, grazie a una collaborazione tra il Comando di polizia locale e l'assessorato ai servizi sociali. Le scuole coinvolte sono le primarie Ricci, Regina Margherita, Don Milani, Marazzani e De Amicis. «L'impegno richiesto – spiega l'assessore alla polizia locale Nicola Scardilloè di due ore al giorno, dalle 8 alle 9 e dalle 16 alle 17. Al Comando sta per partire un nuovo corso di formazione rivolto ai percettori del reddito di cittadinanza. Ai servizi di assistenza davanti alle scuole stanno partecipando anche quattro osservatori civici, che hanno come plesso di riferimento la primaria Anna Botto di via Santa Maria».

«È un'iniziativa che è stata molto apprezzata lo scorso anno – afferma il sindaco Andrea CeffaPer una città di grandi dimensioni non è facile attivare progetti di questo tipo, c'è infatti molta burocrazia. Un grazie va ai cittadini che percepiscono il reddito di cittadinanza (a Vigevano sono circa mille i beneficiari, ndr.) che si sono messi a disposizione. In questo senso, stigmatizzerei chi fa resistenza e si rifiuta di partecipare senza valide ragioni. È un comportamento irrispettoso nei confronti della cittadinanza e degli stessi percettori che invece si sono messi in gioco».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400