Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

violenza contro le donne

Tutto il rispetto che ci meritiamo: le attività dell'Omodeo

Il programma organizzato dall'istituto superiore.

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

16 Novembre 2021 - 11:48

Tutte le classi dell’istituto superiore “Angelo Omodeo” di Mortara nei prossimi giorni saranno coinvolte in una serie di iniziative per sensibilizzare gli studenti sul tema dell’eliminazione di ogni forma di violenza contro le donne. Le attività, previste in occasione della ricorrenza dell’International Day for the Elimination of Violence against Women, si svolgeranno nell’arco di una settimana, coordinate dalla professoressa Lucia Bono, docente di diritto e responsabile dell’indirizzo tecnico-economico dell’istituto.

Per approfondire: https://www.1522.eu/

«Gli studenti delle classi del biennio – spiegano dalla scuola – assisteranno alla visione del cortometraggio “Come te, tante altre”, realizzato dalle ragazze e dai ragazzi del quinto anno alla fine del 2020 nell’ambito del progetto “Sicura-mente donna”, promosso dal Dipartimento delle Pari Opportunità. In seguito, avranno la possibilità di partecipare a un’attività peer to peer, condotta direttamente da un gruppo di studenti della classe 5Cl (indirizzo linguistico). Le classi del biennio del liceo artistico sono già impegnate nella realizzazione di una panchina rossa, sotto la supervisione della professoressa Enrica Garlaschini, docente di discipline grafiche e pittoriche, e del professore Narciso Bresciani, docente di discipline plastiche e scultoree. Autorizzata dagli Stati Generali delle Donne, la panchina ne riporterà il marchio registrato e sarà installata in modo permanente all’interno dell’istituto, come segno tangibile dell’impegno dell’Omodeo nell’educazione al rispetto di genere e, in linea generale, al rispetto della persona in quanto tale, al di là delle differenze di qualunque natura».

Anche gli studenti del triennio avranno l’opportunità di riflettere sulla complessità delle tematiche legate alla violenza contro le donne. Le classi terze e quarte parteciperanno al progetto “Il rispetto che mi aspetto”, con una mattinata dedicata al confronto e al dibattito, a cura del centro antiviolenza Kore. Le classi dell’ultimo anno, invece, assisteranno a una rappresentazione teatrale dedicata alle vittime del femminicidio, dal titolo “Ni una mujer màs”, a opera del gruppo le R/Esistenti, nato nel 2014 dalla volontà di dare voce alle donne, alle loro storie e alla storia personale di ciascuna.

Il 1522 è il numero gratuito e attivo 24 h su 24 che accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.


«I diritti delle donne – fanno sapere dall’Omodeo – sono una responsabilità di tutto il genere umano: la scuola rappresenta uno degli ambienti fondamentali in cui gli studenti, che sono prima di tutto giovani donne e giovani uomini, hanno la possibilità di comprendere l’importanza della lotta contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne e del processo di consolidamento del potere femminile, in quanto tappa fondamentale per il progresso dell’intera umanità».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400