Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

libri aperti

Barbero racconta D'Annunzio a Fiume

Dopo 20 anni Sellerio ripubblica "Poeta al comando", il romanzo dello storico torinese sulla presa della città istriana

Bruno Ansani

Email:

bruno.ansani@ievve.com

18 Aprile 2022 - 16:37

Barbero racconta D'Annunzio a Fiume

Il 12 settembre 1919 Gabriele D’Annunzio, alla testa di un gruppo di ribelli, granatieri, bersaglieri, cavalleggeri, arditi del Regio esercito italiano, occupa la città di Fiume. Dura poco più di un anno il governo retto dal Poeta, costretto alla resa nel Natale del 1920 dal Trattato di Rapallo che Giolitti firma con il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni.

Gabriele D'Annunzio

CLICCA QUI per un riassunto dell'impresa di Fiume in n breve filmato di Rai Cultura

Alessandro Barbero, capace come pochi di trasformare la storia in un racconto entusiasmante, descrive, in questo romanzo, l’incredibile impresa del Poeta Soldato che sogna di vivere al di sopra di ogni immaginazione, come un grande d’altri tempi. Si tratta di una ripubblicazione: il romanzo era uscito nel 2003 pubblicato da Mondadori e ora rivive con l'edizione Sellerio, così come il precedente libro  dello storico torinese, Alabama, uscito nel 2021 

In questo video due grandi storici italiani, Franco cardini e Alessandro Barbero raccontano l'impresa di Fiume


Il «Comandante» è ritratto negli ultimi giorni della Reggenza del Carnaro attraverso gli occhi di Tom Antongini, amico e segretario di D’Annunzio a Fiume. Tom nel 1944 da Salò rievoca gli eventi vissuti in prima persona, sempre a fianco del Vate. Ed è una narrazione ironica, comprensiva, attraversata ora da ammirazione ora dal dubbio, che tratteggia un Gabriele stanco e malinconico per la vecchiaia che avanza, eppure sempre audace, donnaiolo, sperperatore, talvolta tanto preso da se stesso da apparire quasi inconsapevole delle concrete conseguenze della sua azione.

Per approfondire leggi anche: chi era Tommaso Antongini

Gabriele D'Annunzio con alcuni legionari a Fiume nel 1919

Ma è soprattutto un D’Annunzio spiazzante che da un lato nutre i primi caratteri del fascismo – tra le file dei suoi ribelli si chiacchiera già di marciare su Roma –, dall’altro si circonda di socialisti, bolscevichi e sindacalisti. È il primo capo di Stato a riconoscere l’Unione Sovietica, e a sua volta guardato in questa impresa con simpatia da Lenin.

A Fiume si realizzano non solo le manie estetizzanti del Vate, ma anche, a dispetto del personaggio, politiche volte a cercare di risolvere i contrasti sociali: la costituzione promulgata è libertaria, emancipata e anticipa molti valori della società contemporanea.

Lo storico e scrittore Alessandro Barbero


Un romanzo appassionante in cui Barbero dipinge un D’Annunzio nei suoi piccoli atti, non ultimi quelli legati alla seduzione che mostrano l’umanità più fragile di Gabriele: prima che scada il suo tempo a Fiume non restino impuniti alcuni feroci sfruttatori di donne. Con una scrittura in grado di strappare un sorriso per le irriverenze e stravaganze del poeta, il ritratto di un eroe decadente, triste e deluso davanti al grande peso della Storia.

Alessandro Barbero, nato a Torino nel 1959, è professore ordinario presso l’Università del Piemonte Orientale a Vercelli. Studioso di storia medievale e di storia militare, ha pubblicato fra l’altro libri su Carlo Magno, sulle invasioni barbariche, sulla battaglia di Waterloo, fino al recente Lepanto. La battaglia dei tre imperi (2010). È autore di diversi romanzi storici, tra cui: Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle gentiluomo (Premio Strega 1996) e Gli occhi di Venezia (2011). Questa casa editrice ha pubblicato Federico il Grande (2007, 2017), Il divano di Istanbul (2011, 2015), Alabama (2021) e Poeta al comando (2022).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400