Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

libri aperti

Le poesie da spiaggia di Jovanotti

Una "playlist" di parole e versi di grandi poeti, scelte appositamente da un editore di poesia e da un artista. «Le mie poesie pop da recitare in spiaggia. I sonetti sono la meraviglia dell'esistenza»

Bruno Ansani

Email:

bruno.ansani@ievve.com

25 Maggio 2022 - 17:04

Le poesie da spiaggia di Jovanotti

Tutti conoscono il Golfo dei Poeti, Portovenere e le sue isole, Lerici e Tellaro. Ma qui parliamo di spiagge, solitarie o affollate, dove chiudere la porta a tutti i rumori e immergersi nella poesia, magari godersi il tramonto accompagnandolo con dei versi. O in compagnia, come si farebbe con la più classica delle schitarrate estive, magari davanti a un falò. E lo si può fare con una raccolta, o meglio una playlist di poesie scelte da un musicista - Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti - e da un editore specializzato proprio in libri di poesia (Nicola Crocetti). 

Poesie da Spiaggia di Jovanotti è già stabilmente nella Top 10 dei libri più venduti nelle migliori librerie italiane. 

POESIE DA SPIAGGIA - Jovanitti e Nicola Crocetti (Crocetti Editore) - 160 pagine, 15 euro

Parole di grandi poeti di tutti i tempi, che chiedono di essere lette, ascoltate, ricordate. Quelle che trovate in questo libro sono state scelte da un editore di poesia e da un artista che hanno in comune la passione per i versi e il ritmo: raccontano i sentimenti universali, gli stessi da sempre, ma sempre nuovi. Proprio come le canzoni che si cantano insieme sulla spiaggia, queste poesie possono diventare il vivido ricordo di momenti e sensazioni uniche.

Jovanotti e Nicola Crocetti

Secondo Yves Bonnefoy, la poesia è essenziale come lo sono la carta dei fondali marini o il portolano o la bussola perfino su una nave nella tempesta, che teme di affondare: senza di essi, in ogni caso, quella nave non potrebbe raggiungere il porto. Con questo strumento, e con la loro grande e condivisa passione, Nicola Crocetti e Jovanotti ci guidano lungo una strada che assomiglia al viaggio verso Itaca descritto da Kavafis: bellissimo, pieno “di conoscenze e d’avventure” e capace di donarci la ricchezza della sua durata, dell’esperienza e della saggezza.

La presentazione di "Poesie da spiaggia" al Salone del libro di Torino

È un viaggio possibile grazie alle parole dei poeti, che da sempre indicano l’oltre, qualcosa che esiste oltre la frontiera dell’esperienza ordinaria. Intrecci, echi, ininterrotti dialoghi ci raggiungono dai diversi angoli della terra in cui una voce umana abbia modulato le parole in modo diverso e infranto le regole del linguaggio per creare nuovi mondi e immagini indimenticabili. I temi sono quelli eterni dei tormenti, delle passioni, dei grandi interrogativi, dei miracoli e delle esaltazioni dell’avventura umana: diamanti sempre splendidi, contro cui nulla può l’opera distruttrice del tempo.

Jovanotti: Perché hai accettato di fare un libro con un “tipo da spiaggia” come me?
Nicola Crocetti: Perché tu hai tutto quello che serve per “convincere”, per diffondere e far amare la poesia: la conosci bene, la leggi da tanti anni, hai entusiasmo, passione, simpatia. C’è bisogno di altro? (dal sito web dell'editore Crocetti)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400