vigevano

Detenuti e lavori di utilità sociale: il progetto riparte con 3 volontari

Il protocollo sottoscritto da assessorato all’ambiente del Comune, carcere e Ministero.

Ilaria Dainesi

17 Novembre 2021 - 11:33

Detenuti e lavori di utilità sociale: il progetto riparte con 3 volontari

Impiegare i detenuti in attività di pulizia di aree degradate, dove sono stati abbandonati illegalmente i rifiuti. Il progetto, “Mi riscatto per il futuro”, è stato promosso dall’assessorato all’ambiente del comune di Vigevano, che ha sottoscritto un accordo con la casa di reclusione e con il Ministero della giustizia, con l’obiettivo promuovere interventi «socialmente utili», accompagnati da azioni finalizzate all’inserimento lavorativo delle persone che stanno per terminare il periodo di reclusione.

«È un progetto – ha sottolineato l’assessore all’ambiente Daniele Semplici – con una doppia valenza: umana e sociale. Oltre al recupero dei rifiuti, i detenuti affiancheranno anche i nostri dipendenti comunali per la cura e l’irrigazione di piante e fiori».  Per il momento, saranno impiegati tre detenuti, che parteciperanno alle attività a titolo di volontariato, ma l’idea è di estendere il numero delle persone coinvolte.

Da sinistra: il direttore della casa di reclusione Davide Pisapia, il sindaco Andrea Ceffa e l'assessore all'Ambiente Daniele Semplici

«Riprendiamo un’attività che era stata già negli scorsi anni – riferisce il direttore della casa di reclusione di Vigevano, il dottor Davide Pisapia – e che avevamo dovuto sospendere in parte per problemi burocratici, legati all’assicurazione. E poi per la situazione determinata dal Covid. Il progetto si basa su un presupposto: la presenza del carcere può rappresentare una risorsa per il territorio, e non un “peso”. Il reato commesso è percepito come una ferita, una rottura di quel patto sociale che tutti noi sottoscriviamo. Attività come queste permettono di iniziare a ricucire quel che era stato spezzato nel momento in cui era stato commesso il reato. E di tracciare dei nuovi percorsi utili per il reinserimento in società. La scelta di avviare il progetto con un numero limitato di partecipanti è dovuta anche a ragioni di sicurezza sanitaria – ha specificato il dottor Pisapia – I tre detenuti coinvolti sono tutti appartenenti alla stessa sezione, sono diciamo in una sorta di “bolla”».


Il costo dell’assicurazione, grazie a un protocollo d’intesa, sarà a carico del Ministero della Giustizia, senza quindi alcun onere per l’ente locale. Sul progetto, il sindaco di Vigevano Andrea Ceffa sottolinea: «Non solo queste attività sono importanti nella prospettiva di un inserimento in società al termine del periodo di detenzione, ma anche per il contributo offerto alla collettività – ha specificato il primo cittadino – Mi spiego meglio: nei tre anni in cui il progetto è stato realizzato, il lavoro eseguito dai detenuti ha avuto un riscontro importante in termini di efficacia. C’è un ritorno che non è solo legato a un aspetto etico e inclusivo, ma è tangibile. I risultati del loro lavoro, il contributo fornito per migliorare la cosa pubblica erano sotto gli occhi di tutti».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Sciare per primi sulle piste di Courmayeur e dormire a 3500 metri sul Monte Bianco

La Suite Skyway Monte Bianco

Sciare per primi sulle piste di Courmayeur

neve

Il Milanese Imbruttito al cinema con Mollo tutto e apro un chiringuito

Il trailer del film "Mollo tutto e apro un chiringuito"

Il Milanese Imbruttito al cinema con Mollo tutto e apro un chiringuito

dal 7 dicembre

Regina Bracchi Cassolo: Mede la ricorda con una conferenza

Regina Bracchi Cassolo... Regina della scultura

al teatro besostri

Napoleone, Eternals, gli Addams 2: uno sguardo ai film in sala

Jeremy Irons racconta Napoleone

Napoleone, Eternals, gli Addams 2: uno sguardo ai film in sala

questa settimana

Ascom Pavia: «Riaperto il fondo indennizzi per commercio e turismo»

La conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa

Ascom Pavia: «Riaperto il fondo indennizzi per commercio e turismo»

l'iniziativa

"Compravicino": anche Mede aderisce al portale per vendite e acquisti on line

Il sindaco di mede Giorgio Guardamagna

"Compravicino": anche Mede aderisce al portale per vendite e acquisti on line

commercio

Doniamo un vaccino: l'iniziativa del Rotary Club Pavia

Doniamo un vaccino: l'iniziativa del Rotary Club Pavia

sabato a pavia

Reti Sonore alla Casa Rotonda: la musica risveglia i luoghi

Reti Sonore alla Casa Rotonda: la musica risveglia i luoghi

l'evento

“Storie di Vino": sabato sul Ponte Coperto  degustazioni di vino ed altre eccellenze

“Storie di Vino": sabato sul Ponte Coperto degustazioni di vino ed altre eccellenze

pavia