Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

covid

Contagi tra i banchi: a Vigevano scatta la Dad anche per un'altra scuola elementare

Da lunedì sospese le lezioni in presenza alla Don Milani: il sindaco ha firmato oggi l'ordinanza.

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

18 Dicembre 2021 - 19:53

Contagi tra i banchi: a Vigevano scatta la Dad anche per un'altra scuola elementare

La scuola Don Milani di via Mondetti, a Vigevano

Dopo la primaria Vidari, a Vigevano scatta la chiusura anche per un altro plesso. Gli alunni della scuola “Don Lorenzo Milani” di via Mondetti, dell'istituto comprensivo di piazza Vittorio Veneto, saranno in Dad da lunedì. Lo ha deciso il sindaco Andrea Ceffa, che ha firmato oggi (sabato) un’ordinanza per sospendere le lezioni in presenza fino a dopo le vacanze di Natale.

Il provvedimento è stato adottato in seguito a un incremento di positività sia tra gli alunni – si parla infatti di 25 casi nell’ultima settimana – sia tra le insegnanti, con 2 casi rilevati. Le classi già in quarantena nel plesso erano due. Nell'ordinanza si specifica che, in base alla nota arrivata da Ats Pavia, «oltre la metà delle classi presentano un caso positivo, indice di una elevata circolazione virale nella scuola e possibile presenza di casi asintomatici anche nelle classi non soggette a test con tampone naso faringeo».

IL VICESINDACO: «LA CURVA DEI CONTAGI SI È ALZATA NOTEVOLMENTE»

Nella foto, il vicesindaco di Vigevano Antonello Galiani, che ha la delega alle politiche educative

«Nella giornata di oggi – è l’intervento del vicesindaco Antonello Galiani, che ha la delega alle politiche educative – ho parlato più volte con la dirigente dell’Ic di piazza Vittorio Veneto, la dottoressa Lucia Dragotto. Purtroppo, nelle ultime ore sono arrivati altri esiti di positività. La curva dei casi si è alzata notevolmente, nel pomeriggio abbiamo quindi condiviso con Ats la soluzione più opportuna. A quel punto il sindaco ha firmato l’ordinanza, come già fatto la scorsa settimana con il plesso Vidari. Sono scelte che pesano, perché sappiamo che hanno ricadute molto forti sulle famiglie, ma in questa fase inevitabili. La salute rimane la prima cosa da salvaguardare, e per farlo dobbiamo adottare quelle misure necessarie per limitare l'avanzata dei contagi».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400