Calcio Prima Categoria

Domenica nera per le lomelline

Garlasco ko a Casorate, Mortara e Alagna perdono in casa

03 Marzo 2019 - 18:32

prima categoria

Bilardo ha fallito un calcio di rigore per l'Alagna

Domenica amara per il Garlasco di mister Maggi, sconfitto per 3 reti a 0 sul campo d Casorate Primo. Prima frazione di gara disputata a ritmi molto bassi da entrambe le compagini. Al 23’ il Casorate approfitta di un errore degli avversari in fase di costruzione di gioco e porta a compimento la controffensiva con il sigillo di Li Fauci. Dieci minuti più tardi è ancora il numero 7 del Casorate a mettere la firma sulla rete che garantisce alla propria squadra di portarsi sul punteggio di 2 a 0. Il Garlasco prova a reagire, ma fatica a rendersi pericoloso in avanti. Nella ripresa la musica non cambia: i gialloblù si spingono all’offensiva adottando uno schema di gioco più improntato all’attacco, ma mai impensieriscono la retroguardia avversaria. All’85’ una sfortunata deviazione di Arrigoni sulla conclusione di Pecchia piega definitivamente il Garlasco (3-0). “C’è poco da dire: dobbiamo ancora maturare per fare un vero salto di qualità” afferma, a match concluso, il direttore sportivo del Garlasco Gaetano Muscatelli, che poi ribadisce: “serve più continuità nei risultati. Oggi abbiamo fallito”.  

Cade a domicilio (1-2) il Mortara con la Mottese di mister Cucchi, ex Vigevano. Parte bene il Mortara che coglie due legni, il primo su punizione di Zimbardi e il secondo col rumeno Vrabie. Reagisce la Mottese che si rende pericolosa due volte, bravo il portiere lomellino a sventare le minacce. Sul finale di tempo viene assegnato un rigore dubbio agli ospiti, realizza lo specialista vigevanese Lorenzo Ottone, classe 1984, spiazzando il portiere lomellino. Nella ripresa subito pari per i locali con un altro rigore inesistente, decretato da un direttore di gara non all’altezza della situazione: realizza il rumeno Vrabie. La Mottese si riporta avanti con un altro rigore dubbio, trasforma ancora con grande freddezza Ottone. Alla fine vince la Mottese, una partita che avrebbe dovuto chiudersi sulla parità, viste le occasioni create da ambo le parti.

L’Alagna di mister Gandolfi perde di stretta misura (0-1), nel match interno con la Lanterna Siziano. Prestazione non concreta dei lomellini, parsi poco convinti delle proprie possibilità, specie in zona gol. Il primo tempo si chiude sul nulla di fatto. Nella ripresa, al 66’ arriva il gol ospite con Mauriello, su palla persa a centrocampo su fallo non ravvisato dal direttore di gara, ma con i lomellini colpevolmente fermi. Al 70’ per fallo su Jomma, viene decretato un rigore per l’Alagna, calcia Bilardo non bene e il portiere ospite sventa. Arriva così la terza sconfitta consecutiva per l’Alagna che nel prossimo turno dovrà vincere, nuovamente a Mezzana Bigli contro la pericolante Stella Bianca Casarile, per assicurarsi una grossa fetta di salvezza.

@l'informatore - Maurizio Locatelli/Riccardo Invernizzi

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni