storie di lomellina

Ecco il “castello scomparso di Ceretto”

Simone Tabarini

17 Dicembre 2019 - 11:03

Ecco il “castello scomparso di Ceretto”

In ogni paese o città della Lomellina esisteva un Castello. Eppure ad oggi in alcuni paesi non è presente. Perchè? Semplice: sono stati distrutti e del tutto dimenticati nel tempo. Una delle mie ricerche, realizzata con il mio caro amico Alessio Antignani, ci ha portato a Ceretto Lomellina.
E quindi eccovi la storia, ma soprattutto la ricerca di questo edificio scomparso e dimenticato. Nel Medioevo, i Conti Palatini di Lomello edificarono un castello sulle rive del torrente Agogna, a scopo difensivo, proprio ove sorgeva il piccolo centro abitato di Cerretum. Non viene menzionata la dimensione, ma è certo che si trovava su un terrazzamento fluviale creato dell’acqua dell’Agogna. Durante il XV secolo la fortezza venne distrutta e successivamente ricostruita subito dopo dai nuovi feudatari: i Beccaria. Fino al XVII secolo il castello era ancora presente... per poi svanire nel nulla, probabilmente durante alcuni eventi bellici avvenuti in zona. Grazie ad alcune mappe presenti nell’archivio del Castello Isimbardi (Castello d’Agogna) siamo riusciti a capire che nel XVII secolo l’edificio era ancora presente nel paese e si denota un enorme torre sorgere sulle rive del torrente (vedi immagine). Per verificare il punto esatto in cui sorgeva il castello ci siamo recati sul posto e tramite rilevazioni Gps e toponomastiche abbiamo identificato il punto preciso in cui sorgeva il castello e la torre di difesa.
Innanzitutto è utile ricordare che gran parte dell’abitato si trova a 100 metri s.l.m. Se si imbocca “via del Torrione” si raggiunge un altezza pari a 105 metri s.l.m., punto più alto della zona. Non a caso la via si chiama così, infatti secondo i racconti si trovava proprio lì una delle torri di guardia del castello. Abbiamo verificato tutte le zone limitrofe e appaiono, tramite altitudine del Gps più basse di svariati metri. Calcolate che il torrente Agogna si trova a circa 93 metri s.l.m. Con uno scarto di 12 metri, risultava molto più in alto del corso d’acqua, e quindi praticamente impossibile che durante le piene il castello venisse sommerso. Inoltre la morfologia del territorio non è molto cambiata nei secoli. E' facile, infatti, tramite le antiche mappe, verificare come la curvatura del torrente sia rimasta simile.
La ricerca ha dato esito positivo e permesso di capire dove si trovava il “castello scomparso di Ceretto Lomellina”. Grazie alle nuove tecnologie, ma soprattutto alla ricerca, siamo riusciti ad individuare il punto preciso in cui sorgeva l’ultima torre del castello. Via del Torrione, nella parte finale della strada, risulta essere il punto più alto del paese, ove sorgeva l’edificato risalente al Medioevo. Si conferma quindi che l’edificio, prima dei conti palatini di Lomello e poi dei Beccaria, sorgeva all’altezza di 105 metri s.l.m. su un terrazzamento naturale creato dal torrente Agogna. Ad oggi non rimangono segni dell’edificio, purtroppo il tempo e l’incuria hanno fatto scomparire tutto, ma grazie alle ricerche d’archivio e sul campo oggi avete la posizione precisa del castello di Ceretto Lomellina. Questo è solo l’inizio, perché a breve scoprirete che ove oggi non risulta un edificio fortificato, denominato “Castello”, un tempo esisteva. Perché la Lomellina può essere chiamata tranquillamente “la terra dei castelli”.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

A Sartirana arriva il cinema all'aperto

A Sartirana arriva il cinema all'aperto

l'iniziativa

Mercatino del riuso a Mede

Mercatino del riuso a Mede

la novità

Pavia, manutenzione del verde: le criticità

Pavia, manutenzione del verde: le criticità

il sopralluogo

Conferita la Gran Croce ad Angelo Grassi

Conferita la Gran Croce ad Angelo Grassi

oggi a mede

Eleonora Braghieri, passione cosplayer

Eleonora Braghieri, passione cosplayer

pavia

Mede, festa in piazza per i diciottenni

Mede, festa in piazza per i diciottenni

ieri

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

natura

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

pavia

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

voghera