lirica

Rinaldo chiude la stagione d'opera del Fraschini

La regia di Jacopo Spirei trae spunto da contaminazioni col mondo dell’arte contemporanea e del cinema

Annalisa Vella

15 Gennaio 2019 - 19:18

Rinaldo chiude la stagione d'opera del Fraschini

Venerdì 18 gennaio alle 20.30 - e in replica domenica 20 alle 15.30 - si conclude la Stagione d’Opera del Teatro Fraschini, con l’allestimento di un’opera che racconta, all’interno di una atmosfera di realismo magico, le vicende di Rinaldo conquistatore di Gerusalemme, in balia della maga Armida, che rapisce la sua amata Almirena.

Georg Friedrich Händel arrivò a Londra nell’autunno del 1710. Lo aveva chiamato Aaron Hill, l’impresario dell’Haymarket Theatre, con il compito di mettere in musica il Rinaldo, di cui lo stesso Hill aveva preparato le basi su cui poi il poeta Giacomo Rossi avrebbe steso il libretto. Hill prese spunto da episodi tratti dalla Gerusalemme liberata del Tasso, ma il legame con l’originale fu tenue; Hill introdusse per esempio Almirena, figlia di Goffredo, personaggio tutto nuovo e funzionale all’intreccio del dramma. Fu un avvenimento importante, la prima opera italiana interamente composta per il teatro inglese. A Handel fu affidata una compagnia di cantanti tutta italiana. Fu un successo strepitoso. Si susseguirono 15 rappresentazioni e altrettanti successi. Negli anni successivi l’opera fu oggetto di numerose nuove messe in scena, talvolta con aggiunta di nuove arie, come nel caso delle rappresentazioni a Napoli del 1718 e a Amburgo, nel 1715 e 1723. La modifica più importante alla prima versione fu nel 1731, anno in cui Handel fu chiamato a mettere nuovamente in scena il Rinaldo a Londra.

La regia è stata affidata a Jacopo Spirei e trae spunto da contaminazioni col mondo dell’arte contemporanea e del cinema. Rinaldo è trasformato in un uomo qualunque, il mondo di Almirena è trasformato in quello dei locali notturni. La battaglia incarnata da Rinaldo è fondamentalmente contro se stesso. La direzione è di Ottavio Dantone.

BIGLIETTERIA C.so Strada Nuova 136 - Pavia - Aperta dal lunedì al sabato dalle ore 11 alle 13 e dalle 17 alle 19. Aperta un’ora prima di ogni spettacolo Tel. 0382-371214

PREZZI Da 56 euro (platea e palchi centrali) a 14 euro (posti in piedi non numerati). Giovani Under 30 riduzione del 50%

ACQUISTO ON LINE www.teatrofraschini.org

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni