lo spettacolo

Finazzer Flory presenta “Verdi legge Verdi”

Conoscere dalle parole del grande compositore, accompagnato dalle sue musiche più celebri al pianoforte

Annalisa Vella

25 Gennaio 2019 - 11:57

Finazzer Flory presenta “Verdi legge Verdi”

Il cigno di Busseto si racconta. Sarà Massimiliano Finazzer Flory, truccato a puntino, a impersonare il Maestro e autore di “Và pensiero”. Lo accompagnerà al pianoforte Yuna Saito. “Verdi legge verdi”, che vuole raccontare la vita del celeberrimo compositore emiliano attraverso la sua famiglia d’origine, la prima spinetta, la sua formazione, il conservatorio, si terrà venerdì 25 alle ore 21 al teatro Cagnoni. «Finazzer Flory impersona Verdi – si legge nella sinossi dello spettacolo – con uno straordinario make-up, come se fosse uscito magicamente dal celebre ritratto di Giovanni Boldini e racconta le tante sfaccettature e i lati straordinari della personalità del massimo operista italiano dell’Ottocento, per permettere al pubblico di seguire le vicende di un uomo schivo che non amava gli onori. Verdi considerava la sua opera più grande non il suo ricco repertorio di melodramma, ma la costruzione a sue spese della casa di riposo per Musicisti a Milano». Una serata affascinante, pensata per regalare al pubblico la scoperta di una personalità straordinaria. E poi la musica: la scaletta prevede stralci da “Macbeth”, dalla “Traviata”, dal “Nabucco”, dal “Rigoletto”. Grazie alla pianista Yuna Saito, maestro dell’Accademia del teatro alla Scala di Milano, e a Finazzer Flory (anche autore del testo) lo spettacolo ha già fatto applaudire i teatri di Parma, New York e Astana, capitale del Kazakistan. «Nei 70 minuti dello spettacolo – prosegue la trama – si arriverà fino alla fine della biografia di Verdi. Il suo rapporto con la musica e Wagner, i librettisti come Arrigo Boito e i suoi consigli a un giovane compositore e ai cantanti. La sua relazione con l’Italia, i suoi punti di vista sull’arte, sul teatro, sulla musica. Il suo giudizio del pubblico
e l’incontro coni direttori in particolare Toscanini. Il dietro le quinte e le polemiche: Rigoletto e Traviata». Grazie al Comune di Vigevano l’ingresso è gratuito. I ticket d’ingresso sono disponibili presso la biglietteria del Cagnoni. Info: tel. 038182242.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni