sanremo young

Da Robbio all’Ariston

Il sogno della cantante Maria Grazia Aschei dal 15 febbraio esordisce sul palco di Sanremo Young

Davide Maniaci

04 Febbraio 2019 - 17:28

Maria Grazia Aschei

Ci sarà anche una robbiese sul palco di Sanremo Young da venerdì 15 febbraio, dopo la chiusura del Festival “dei grandi”. La trasmissione condotta da Antonella Clerici vuole lanciare i giovani talenti migliori nel mondo della canzone italiana. Maria Grazia Aschei, 16 anni, che vive da sempre a Robbio, si è iscritta ai casting su internet. Adesso, dopo una durissima selezione che da migliaia di ragazzi ne ha scelti 40, è pronta ad approdare su Rai 1. Il programma si articola in 5 puntate a cadenza settimanale, in cui i 20 finalisti dai 14 ai 17 anni, provenienti da tutta Italia, dovranno cimentarsi nel cantare le canzoni che hanno fatto la storia del Festival di Sanremo, non soltanto dei concorrenti ma anche di ospiti internazionali che, almeno una volta, hanno calcato la passerella dell’Ariston. Dopo un’ulteriore selezione che li dimezzerà già alla seconda puntata, le eliminazioni continueranno. Il trionfatore avrà diritto a partecipare a Sanremo Giovani 2020.

Maria Grazia Aschei (classe 2002, soprano, studentessa al liceo musicale “Casorati” di Novara) fin da piccolissima ha studiato canto moderno, lirico e danza. Le ispirazioni sono le grandi voci di tutti i tempi, da Nina Simone a Céline Dion, con un’inaspettata digressione a quello che lei considera il “poeta massimo” della scena italiana, Fabrizio De André. Sanremo Young per la giovane Maria Grazia Aschei non rappresenta il punto di arrivo, ma soltanto una partenza. La giovane robbiese studia dal 2014 all’Accademia “Le Muse” di Gianna Martorella a Piombino, in Toscana, col maestro di canto Marco Vito e quello di musical Vittorio Matteucci. In passato è stata allieva anche di Fio Zanotti e di Enzo Campagnoli. Fa parte dell’agenzia Gianna Martorella Management.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Inaugurazione mostra

“Paesaggi di marcita, dalla terra al latte”

La mostra itinerante

Marina, la gatta sindaco di Gravellona Lomellina

Gatti, domani è la loro festa

La ricorrenza dal 1990

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Un'ereditiera vigevanese protagonista del nuovo romanzo di Pallavicini

Piersandro Pallavicini

Vizi, tic e manie dell'editoria italiana nel nuovo romanzo di Piersandro Pallavicini

in uscita

“Papà”: una commedia per le detenute-attrici

“Papà”: una commedia per le detenute-attrici

in scena al cagnoni

Grazie Gaber!

Giorgio Gaber

Grazie Gaber!

l'omaggio

Al Verdi "The big Raz theory"

Al Verdi "The big Raz theory"

stand up comedy

"Nell'ansa del fiume": Vigevano nei secoli

"Nell'ansa del fiume": Vigevano nei secoli

lo spettacolo