La mostra itinerante

“Paesaggi di marcita, dalla terra al latte”

Questa mattina l’inaugurazione nella strada sotterranea del Castello di Vigevano

Ilaria Dainesi

16 Febbraio 2019 - 14:31

Sono diverse le iniziative in calendario fino al 22 marzo

Nel video l’intervista all’agronomo Giovanni Molina, che ha collaborato con il Parco del Ticino per realizzare la mostra itinerante dedicata alle marcite della valle del Ticino. L’esposizione «racconta che cosa sia il prato permanente sistemato a marcita e irrigato tutto l’anno – spiegano dal Parco del Ticino – prato che produce erba fresca per i bovini che danno così un latte più sano per la nostra alimentazione, ecosistema capace di ospitare erbe, insetti ed uccelli di pregio per la conservazione della natura e testimone vivente di un’agricoltura antica nata nel medioevo, ma ancora stupefacente oggi per la sua efficienza e genialità».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni