Il 23 e 24 marzo

Tornano le giornate FAI di Primavera

A Vigevano verranno aperti la Quadreria dell’Ospedale e il Mulino di Mora Bassa

Annalisa Vella

13 Marzo 2019 - 17:49

Sabato 23 e domenica 24 marzo tornano le Giornate FAI di Primavera. Per il grande evento di piazza, la Delegazione FAI di Pavia aprirà sette beni sul territorio: a Pavia il Collegio Ghislieri, la Villa Necchi e la Chiesa Ucraina di San Giorgio in Montefalcone. A Villanterio il Palazzo Rizzi, con un percorso di visita che comprenderà anche il Parco di Villa Meriggi e la Chiesa di Santa Maria della Commenda. A Vigevano verranno aperti la Quadreria dell’Ospedale e il Mulino di Mora Bassa con la vicina chiesetta della Madonna della Neve. A Sant’Angelo Lomellina sarà visitabile la Chiesa di San Rocco. Tutte le aperture seguiranno orari specifici a partire da sabato pomeriggio e per tutta la giornata di domenica. Fa eccezione la Chiesa Ucraina di San Giorgio a Pavia, in quanto è un evento del Progetto FAI “Ponte tra culture” e aprirà solo la domenica pomeriggio con visite a orari prestabiliti (15.00, 16.00 e 17.00) e fino a esaurimento posti.

OSPEDALE DI VIGEVANO E LA SUA QUADRERIA - Corso Milano 19 VIGEVANO

L'Ospedale di Vigevano, nella sua sede attuale inaugurata nel 1911, rappresenta una testimonianza della concezione architettonica del tempo e della storia locale, con la sua tipologia a padiglioni, la chiesetta del SS. Sacramento e la Quadreria. L'edificio fu costruito sia con le tecniche tradizionali delle murature in mattoni, sia con le tecnologie più innovative di putrelle in ferro e di elementi in cemento armato. Alla realizzazione dell'apparato decorativo, caratterizzato da motivi fitomorfi tipici del Liberty, parteciparono artisti noti in città, come i pittori C. Ottone, L. Bocca, F. Villa. Originale la decorazione della sala consiliare, considerata un'"opera prima" del pittore Carlo Zanoletti. La quadreria raccoglie varie opere antiche, tra cui i cinquecenteschi frammenti dell'Ancona dell'Immacolata e il Polittico della Visitazione, un Procaccini, un B. Ferrari, e i ritratti dei benefattori, spesso dipinti da quotati pittori vigevanesi dell'epoca, quali G.B. Garberini, L. Bocca, A. Raffele.

Visite a cura di: Guide Volontarie, Rotaract Distretto dei Castelli della Lomellina e degli Aspiranti Ciceroni del Liceo “B. Cairoli” di Vigevano. Visite anche in lingua inglese.

Orari: Sabato 23 marzo dalle ore 14.30 alle 18.00 (ultimo ingresso alle ore 17.00); domenica 24 marzo dalle ore 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso alle ore 17.00). Ingresso prioritario per gli iscritti FAI. Contributo libero a partire da 2€. Accesso disabili: no. Note: Per evitare lunghe attese, si consiglia di effettuare le visite il sabato pomeriggio e la domenica mattina.

MULINO DI MORA BASSA E CHIESETTA MADONNA DELLA NEVE - Strada Morabassa 34 VIGEVANO

L'antica via d'acqua fu progettata nel 1487 da Ludovico Sforza detto il Moro e si snoda ancora oggi per 54 km alimentando numerosi mulini ed irrigando la pianura risicola. Il mulino di Mora Bassa è stato oggetto di accurati restauri e offre al visitatore interessanti richiami di storia e leggenda che riportano alla figura di Leonardo da Vinci. Presso la Sala Polivalente nel piccolo parco del Mulino, è allestita una mostra documentaria sulla cartografia inedita, curata dall'Associazione Irrigazione Est Sesia, riguardante la rinascimentale Roggia Mora. In questo suggestivo angolo di campagna vigevanese si potrà visitare anche la Chiesetta di Morabassa, solitamente chiusa al pubblico. Fu costruita nella seconda metà del XVII secolo e dedicata alla Madonna della Neve.

Visite a cura dell’Associazione Irrigazione Est Sesia e dei volontari Rotaract Distretto dei Castelli Lomellina. Per gli iscritti FAI che volessero proseguire la visita alle sale con i modelli delle macchine di Leonardo, verrà applicata una riduzione sul prezzo del biglietto.

Orari: Sabato 23 marzo dalle ore 14.30 alle ore 17.30 (ultimo ingresso 17.00). Domenica 24 marzo 10.30-12.30/14.30-17.30 (ultimo ingresso 17.00). Contributo libero a partire da 2€. Ingresso prioritario per iscritti FAI. Accesso disabili. Note: Per evitare lunghe attese, si consiglia di effettuare le visite il sabato pomeriggio e la domenica mattina.


CHIESA DI SAN ROCCO - SANT’ANGELO LOMELLINA

La Chiesa di San Rocco si erge a poca distanza dal centro abitato. A fianco corre ancora ben riconoscibile un tratto della storica Via Francigena, percorsa dai pellegrini per raggiungere Roma. Pare che già nell’undicesimo secolo esistesse qui un luogo di culto dedicato a Santa Maria delle Grazie. Esso venne probabilmente dedicato a San Rocco dopo che nel 1348, proveniente da Piacenza, egli passò dal paese per recarsi a Novara a curare i malati di peste nera. La chiesa attuale si presenta in forme romanico-gotiche e ha una struttura molto semplice, ad una sola navata con presbiterio in evidenza. Le pareti sono totalmente rivestite di affreschi devozionali, databili dal XIV al XVI secolo, che rappresentano iconografie e storie relative ai personaggi della religione più venerati dai pellegrini del passato. Spicca su tutte una raffigurazione di San Rocco firmata eccezionalmente da Tomasino da Mortara, mitico pittore lomellino del ‘500.

Visite a cura di: Guide Volontarie e Guide della Pro Loco S. Angelo.

Orari: Sabato 23 marzo dalle ore 14.30 alle 18.00 (ultimo ingresso alle ore 17.00); domenica 24 marzo dalle ore 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso alle ore 17.00). Ingresso prioritario per gli iscritti FAI. Contributo libero a partire da 2€. Accesso disabili.

COLLEGIO GHISLIERI - Piazza Collegio Ghislieri 5 PAVIA

Il Collegio Ghislieri rappresenta una delle istituzioni culturali più antiche e prestigiose della città di Pavia. Fu fondato nel 1567 da Papa Pio V Ghislieri con l'intento di sostenere e curare la crescita intellettuale e morale degli studenti. Autore del progetto fu Pellegrino Tibaldi; la struttura dell'edificio è piuttosto composita, a causa di successivi ampliamenti e modifiche che tuttavia non ne hanno alterato l'immagine di monumentalità. Il percorso di visita si snoderà attraverso i sontuosi ambienti del Collegio; in esclusiva per il FAI, verranno esposti e descritti preziosi volumi antichi custoditi nella Biblioteca.

Le visite saranno a cura degli Aspiranti Ciceroni dell’Istituto Bordoni e del Liceo Cairoli di Pavia. Alcuni studenti del Liceo Cairoli Musicale suoneranno brani di repertorio.

Orari: Sabato 23 marzo dalle 14.30 alle 18.00 (ultimo ingresso ore 17.00); Domenica 24 marzo: dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso ore 17.00). Il Collegio è accessibile ai disabili. Visite a contributo libero a partire da 3€. Ingresso prioritario per gli iscritti FAI. Note: Per evitare lunghe attese, si consiglia di effettuare le visite il sabato pomeriggio e la domenica mattina. In caso di particolare affollamento, le code potranno essere chiuse anche due ore prima dell’orario di fine visite.


VILLA NECCHI - Via San Martino, 17/A PAVIA

Villa Necchi è l'unico edificio residenziale rimasto in città a ricordare la storica famiglia di imprenditori pavesi Necchi. Fu fatta costruire da Ambrogio a fine '800, a due passi dalla propria fabbrica di ghise malleabili, per viverci con la moglie Emilia Carcano e i figli Nedda, Gigina e Vittorio, fondatore della celeberrima fabbrica di macchine per cucire. Citata in alcuni testi come Casa Emilia Necchi, presenta un decoro discreto, di gusto variamente liberty, art déco e neo-rinascimentale, costituito da ricercati ferri battuti, eleganti boiserie e vetri colorati. In esclusiva per il FAI, saranno esposti alcuni modelli di macchine per cucire Necchi della Collezione di Giovanni e Giuliana Baldin di Robbio.

Le visite saranno condotte dagli Aspiranti Ciceroni degli Istituti Volta e Bordoni di Pavia.

Orari: Sabato 23 marzo dalle ore 14.30 alle ore 18.00 (ultimo ingresso ore 17.00); Domenica 24 marzo dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (ultimo ingresso alle ore 17.00). La Villa è accessibile ai disabili. Visite a contributo libero a partire da 3€. Ingresso prioritario per gli iscritti FAI. Accesso disabili.Note: Per evitare lunghe attese, si consiglia di effettuare le visite il sabato pomeriggio e la domenica mattina. In caso di particolare affollamento, le code potranno essere chiuse anche due ore prima dell'orario di fine visita.


CHIESA SAN GIORGIO IN MONTEFALCONE - Via Regina Adelaide, 8 PAVIA

All'interno delle Giornate di Primavera verrà aperta alle visite la Chiesa di San Giorgio in Montefalcone. L'apertura rientra nel progetto FAI "Ponte tra Culture" che promuove la conoscenza e la comunicazione tra culture e religioni diverse. Da alcuni anni la Chiesa di San Giorgio è diventata la Parrocchia della comunità ucraina ed è officiata in rito cattolico-bizantino, motivo per cui ai quadri della tradizione occidentale sono ora affiancate delle preziose icone. Dopo una breve introduzione di carattere storico/architettonico (secondo la tradizione la chiesa fu fondata nel 691 dal re longobardo Cuniperto, in posizione elevata a dominare la valle del Ticino), la signora Maryna Tovt, moglie del Parroco Alexandr Tovt e membro attivo della comunità cattolica ucraina, spiegherà le peculiarità del rito bizantino, con le tradizioni, gli usi, le celebrazioni e il culto delle icone.

Le visite saranno solo domenica pomeriggio a orari prestabiliti: alle ore 15.00, 16.00 e 17.00 fino ad esaurimento posti. Non è possibile accedere al di fuori di tali orari.

Ingresso prioritario per gli iscritti FAI. Contributo libero a partire da 3€. Accesso difficile per i disabili (lunga rampa a gradoni). 


PALAZZO RIZZI - Piazza Castello VILLANTERIO

Le Giornate di Primavera vedranno fuori Pavia l'apertura di Palazzo Rizzi a Villanterio; fu costruito fra il 1540 ed il 1547 da Giovanni Angelo Rizzi, segretario di camera del Duca di Milano Francesco II Sforza e cancelliere del consiglio segreto di Milano. Il piano nobile del Palazzo era suddiviso internamente con un grande Salone e cinque sale consecutive. Tutti i locali erano coperti da volte a lunette affrescate, il cui ciclo pittorico straordinario proseguiva anche lungo le pareti. Nel 1876 il Comune di Villanterio lo acquistò per adibirlo a scuola elementare, uffici municipali ed alloggio del segretario comunale. I visitatori potranno ammirare e conoscere i raffinati affreschi di recente riportati al loro originario splendore grazie alle spiegazioni della restauratrice che ne ha curato il restauro.

Oltre a Palazzo Rizzi, il percorso comprenderà il Parco di Villa Meriggi, splendida residenza privata, per la prima volta aperto al pubblico; una breve passeggiata condurrà alla scoperta della Chiesa di Santa Maria della Commenda, suggestivo edificio immerso nel verde della campagna.

Le visite saranno a cura dei Volontari del Gruppo FAI Giovani Pavia.

Orari: Sabato 23 marzo dalle ore 14.30 alle 18.00 (ultimo ingresso alle ore 17.00); domenica 24 marzo dalle ore 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso alle ore 17.00). Ingresso prioritario per gli iscritti FAI. Contributo libero a partire da 3€. Accesso disabili. Note: Per evitare lunghe attese, si consiglia di effettuare le visite il sabato pomeriggio e la domenica mattina. Nel caso di particolare affollamento, le code potranno essere chiuse anche due ore prima del termine delle visite.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Il jazz tra strade, piazze, vigne,  musei,  parchi e cortili

Il jazz tra strade, piazze, vigne, musei, parchi e cortili

dal 23 MAGGIO al 9 GIUGNO

Pitture e disegni di viaggio di Cesare Giardini

Pitture e disegni di viaggio di Cesare Giardini

la personale

Annullata la "Family Bike a Run" da Vigevano a Gravellona

Annullata la "Family Bike e Run" da Vigevano a Gravellona

causa maltempo

Bob Mintzer

Sotto le stelle del jazz: la rassegna termina col botto

Vigevano, il sassofonista e clarinettista Bob Mintzer si racconta prima del concerto di venerdì 17 in Cavallerizza

I disegni anatomici di Leonardo riprendono vita

I disegni anatomici di Leonardo riprendono vita

al Castello di vigevano

Al Cagnoni “Tardo qualche minuto” con il milanese imbruttito

Al Cagnoni “Tardo qualche minuto” con il milanese imbruttito

Ieri sera a Vigevano

Il vincitore dell'edizione 2019 del palio dei maiali di Cilavegna

Sagra Asparago, il rione Castello si aggiudica il palio

A Cilavegna