Bià Jazz festival

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Sabato sera alla Cooperativa Rinascita

Alessandra Ceriani

15 Marzo 2019 - 11:07

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Ha scelto quattro brani di Duke Ellington, parte di una suite scritta al ritorno da un viaggio in Estremo Oriente, e li ha accostati a quattro sue composizioni-omaggio al trombettista, riuscendo ad ottenere un mix di old e new jazz che val la pena ascoltare, in attesa del festival vigevanese dove Duke Ellington sarà ancora ricordato e interpretato.
Giovanni Falzone, palermitano di nascita, milanese di adozione, è l’artista con il quale apre la tredicesima edizione del Bià Jazz Festival, sabato sera (16 marzo) alla Cooperativa
Rinascita di via Novara 2 ad Abbiategrasso. Giovanni Falzone Far East Trip, registrato nel 2017 è al centro del repertorio scelto dal musicista che sarà sul palco con Massimo Marcer (tromba), Massimiliano Millesi (sax tenore e baritono), Andrea Baronchelli (trombone e basso tuba) e Alessandro
Rossi (batteria). Lo precede un talentuoso chitarrista, Andrea Rotoli, che in trio con Marco Rottoli al contrabbasso e Fabrizio Carriero alla batteria propone brani originali e alcune songs rivisitate del jazz americano. Si mantiene così lo schema classico del festival che fonde sempre artisti affermati a emergenti ben selezionati. Il tutto affidato al direttore artistico Massimo Colombo e all’organizzazione di Arcipelago, che insieme e grazie agli sponsor, mandano in scena altri concerti sabato 23 e venerdì 29 marzo.
Il festival non cambia pelle, anche se dovrebbe pensare ad un rinnovamento, dopo dodici anni di successi in una location molto intima - la sala della Coop Rinascita - che però ha una capienza limitata. Eppure: «È motivo d’orgoglio quando, artisti abituati a palcoscenici prestigiosi, vedendo l’ex balera si lasciano andare ad un “Ma qui è bellissimo!”. E dopo avervi suonato, e brontolato per il cachet risicato, vogliono tornarci - replica Davide Pisi, anima del festival -. I volontari di Arcipelago e di Rinascita non sono tutti appassionati di jazz; lavorano per offrire un servizio culturale alla città e per salvaguardare uno spazio dove si può fare cultura in modo indipendente, dando il massimo con i pochi mezzi a disposizione ».

Prenotazioni ai numeri 339.5710042 e 347.7714643.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni