mede

Tutto pronto per la Ciaramèla

Dopo i giochi popolari e la caccia al tesoro, domenica 8 settembre la sfilata storica e la disputa

L'informatore Cognome

29 Agosto 2019 - 18:13

Tutto pronto per la Ciaramèla

Mede - Novità per il Palio d'la Ciaramèla, che quest’anno sarà aperto dal Palio dei ragazzi domenica 1 settembre, e non il giovedì precedente la gara. La manifestazione necessaria a stabilire gli accoppiamenti dei dieci rioni per il gioco della domenica successiva si svolgerà inoltre allo stadio comunale, e non in piazza della Repubblica come nelle altre edizioni, per garantire la massima affluenza di pubblico. Giovedì 5 settembre alle 20.30 si terranno i giochi popolari per i rioni, mentre venerdì sarà la volta di una caccia al tesoro per le vie della città, e sabato alle 21 i quartieri saranno abbelliti dall’allestimento degli angoli caratteristici. Domenica 8 settembre le manifestazioni inizieranno in piazza Repubblica con la consegna del Palio alla madrina per proseguire alle 10.30 in San Marziano con la santa messa durante la quale verrà benedetto il drappo. Alle 14.30 la partenza della tradizionale sfilata storico-contadina, e alle 16 la disputa del gioco della lippa (“ciaramèla” in dialetto) allo stadio comunale con la premiazione dei vincitori prevista alle 21 in piazza Repubblica.
Tra le iniziative organizzate dal centro culturale Amisani, la mostra di figurine Liebig “Dalla soffitta al castello Sangiuliani”, che sarà inaugurata sabato 7 settembre alle 10 e rimarrà aperta fino al 15 settembre. Le preziose figurine verranno inserite in espositori e suddivise per argomenti, evidenziando i vari anni di emissione. Il curatore della mostra, Decio Martinisi, accompagnerà i visitatori in questo mondo affascinante ricco di storie, sorprese e aneddoti. «Le figurine Liebig sono riuscite a emergere fra tutti i prodotti simili circolanti in Europa – spiega Martinisi - grazie all’accuratezza e alla ricchezza delle composizioni e alla maestria della tecnica cromolitografica. Nell’analizzare le collezioni si possono ripercorrere le tecniche artistiche, gli stili e i gusti di fine Ottocento e inizio Novecento. Le figurine sono veri capolavori che, nonostante siano ormai considerate di nicchia, appartengono a tutti. L’importanza di collezionarle oggi e mostrarle in pubblico sta nel rivivere attraverso di esse la nostra storia e preservare così le nostre radici e le nostre tradizioni affinché le future generazioni continuino a comprenderle e studiarle».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

L'omaggio di Marco Clerici a Vito Pallavicini

L'omaggio di Marco Clerici a Vito Pallavicini

in musica

"Un'estate normale": il videoclip del nuovo singolo di Nek

"Un'estate normale": il videoclip del nuovo singolo di Nek

IL NUOVO SINGOLO ESTIVO

Oltrepo pavese, le 100 meraviglie (+1)

Oltrepo pavese, le 100 meraviglie (+1)

libri

Artisti pavesi omaggiano il Sommo Poeta

Artisti pavesi omaggiano il Sommo Poeta

Vuoi far parte dell’Orchestra Giovanile Ducale?

Vuoi far parte dell’Orchestra Giovanile Ducale?

l'iniziativa

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

pavia

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

san martino siccomario

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia