arte dei comici

Paolo Cevoli e “La sagra famiglia”

Sul palco del teatro Cagnoni giovedì 14 novembre alle ore 21

Davide Maniaci

08 Novembre 2019 - 20:21

Paolo Cevoli e “La sagra famiglia”

Genitori e figli, dramma della nostra epoca. Ma forse questo problema esisteva già al tempo dei cavernicoli. E gli antichi Romani, i Greci, gli Ebrei facevano i compiti ai loro figli? Paolo Cevoli racconta la sua storia personale di padre e di figlio paragonata con ironia e leggerezza ai grandi classici. “La sagra famiglia” arriva anche a Vigevano, sul palco del teatro Cagnoni giovedì 14 novembre alle 21. Cose serie per non prendersi sul serio, però ridendo a crepapelle. Lo show è il primo su quattro della rassegna “Arte dei comici”.

«Racconto soprattutto la mia storia di figlio più che quella di padre - anticipa il comico romagnolo classe 1958 celebre per il personaggio dell’imprenditore Teddi Casadey - perché credo siano piuttosto i miei figli, se lo vorranno, a dover parlare di me. Ma loro non hanno la verve del comico. Forse ce l’ha il mio nipotino, che ha un anno e mezzo».
Neanche il titolo dello spettacolo, “La sagra famiglia”, è casuale: i Cevoli, famiglia allargatissima con decine e decine di cugini, erano davvero una tribù (come la ha definita l’autore stesso) e i loro ritrovi avevano quel sapore caotico e genuino delle feste di paese. Delle sagre. Dal rapporto
di Cevoli col padre ma anche con la madre si andrà indietro nel tempo, con esempi ironici e leggeri sui “figli”, veri o immaginari, che tutti conoscono. Paride, Enea, Gesù Bambino stesso. «Prendiamo il Figliol prodigo di evangelica memoria - riflette il comico, anche imprenditore - e pensiamo a suo padre. Sapeva benissimo che aveva tirato su un giovanotto “patacca”, come diremmo noi, che i soldi li prendeva per andare... a meretrici. Eppure al suo ritorno ha ucciso il vitello grasso. I padri fanno così, ognuno a suo modo. Li divido in tre tipi: quello autoritario, quello assente e quello amico. Di fatto un genitore ama talmente tanto il figlio da volerlo vedere andar via, mettere su famiglia. La madre è più “preservativa”, io la chiamo così. Andando sul personale il ricordo più bello che conservo a riguardo è stato quando, a 5 anni, mio papà mi smontò le rotelline della bicicletta. Ovviamente mamma era contraria. Io sono caduto subito rompendomi anche un braccio. Eppure appena sono guarito lui mi ha convinto a riprovarci, e io ho imparato ad andare in bicicletta». Forse sono queste le storie che divertono di più, quelle dell’amarcord familiare, interrotte ogni tanto da paragoni arditi ma brillantissimi e da battute fulminanti-

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

"Aquile randagie"

il trailer di "Aquile randagie: gli Scout che si ribellarono al Fascismo"

Shoah, al cinema Odeon tre film per non dimenticare

giornata della memoria

IL 2020 SECONDO LA NUMEROLOGIA

IL 2020 SECONDO LA NUMEROLOGIA

Previsioni per il nuovo anno

Le opere di Marco Lodola illuminano l'Ariston

Le opere di Marco Lodola illuminano l'Ariston

il festival

AntonfART: «Le passioni hanno coltivato me»

AntonfART: «Le passioni hanno coltivato me»

il laboratorio

Renato Tassiello, “Il sognatore”

Renato Tassiello, “Il sognatore”

debutto discografico

Franz Pelizza all'Expo d’arte internazionale di Innsbruck

Franz Pelizza all'Expo d’arte internazionale di Innsbruck

fino a domenica

Una villa storica... e Alessandro Manzoni

Una villa storica... e Alessandro Manzoni

storie di lomellina

Dall’Io verso la città-polis

Silvano Petrosino, professore di Filosofia della Comunicazione alla Cattolica di Milano

Dall’Io verso la città-polis

le conferenze

La grande arte? La si vede al cinema

La grande arte? La si vede al cinema

dal 14 gennaio