Stagione musicale del Teatro Fraschini

Pavia conquistata da circa cento musicisti di tutte le età

Cento violoncellisti sul palco per l'apertura della stagione musicale del teatro Fraschini di Pavia

Annalisa Vella

30 Gennaio 2020 - 18:08

Pavia conquistata da circa cento musicisti di tutte le età

Esordio insolito per la Stagione musicale del Teatro Fraschini, martedì 4 febbraio, alle ore 20.30. Giovanni Sollima ed Enrico Melozzi, musicisti di fama internazionale, hanno chiamato a raccolta violoncellisti da tutta Italia (e non solo) desiderosi di fare musica e di sperimentare: talenti, giovani leve, appassionati per una festa musicale gioiosa che avrà come “fulcro” l’esibizione sul palco del Teatro Fraschini la sera del quattro febbraio.

Non c’è un vero e proprio programma musicale, ma la serata si costruisce strada facendo, attraverso le prove che si terranno nei giorni antecedenti all’esibizione. Probabili alcuni autori che spaziano dalla musica classica (J. S. Bach, H. Purcell), agli autori moderni (ad esempio lo stesso Sollima, i Queen, D. Bowie).

Giovanni Sollima è un violoncellista e compositore di fama internazionale. Collabora in ambito classico con artisti del calibro di Riccardo Muti, Yo-Yo Ma, Antonio Pappano, Gidon Kremer, Ivan Fischer, Daniele Gatti, Viktoria Mullova, Ruggero Raimondi, Mario Brunello, Kathryn Stott, Yuri Bashmet, Katia e Marielle Labeque, Giovanni Antonini, Ottavio Dantone e con orchestre rinomate tra cui Orchestra del Teatro alla Scala, Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Chicago Symphony Orchestra, Liverpool Philharmonic (di cui è stato Artist in residence nel 2015), Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam, Budapest Festival Orchestra, Moscow Soloists, Konzerthausorchester di Berlino, Il Giardino Armonico, I Turchini, Accademia Bizantina. Dal 2010 Giovanni Sollima insegna presso l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, dove è stato insignito del titolo di Accademico. Nel 2012 ha fondato, assieme a Enrico ge ad esplorare nuove frontiere nel campo della composizione attraverso contaminazioni fra generi diversi, avvalendosi anche dell'utilizzo di strumenti antichi, orientali, elettrici e di sua invenzione.
Insieme a Sollima, Enrico Melozzi è stato fondatore del gruppo 100Cellos, e promotore della prima maxi-reunion di violoncellisti in Italia, che si è tenuta al Teatro Valle Occupato dal 16 al 18 marzo 2012, e ha radunato più di 140 violoncellisti provenienti da tutta l’Europa. Compositore, violoncellista, direttore d’orchestra e produttore, è nato a Teramo nel 1977. Nel 1999 è diventato assistente di Michael Riessler, grazie al quale ha iniziato a lavorare con alcuni importanti solisti della sfera contemporanea classica e jazz.

Pochi i biglietti ancora disponibili per il concerto.

Orari di apertura di biglietteria: dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 19 (da lunedì a sabato). Telefono: 0382.371214.

ACQUISTO ON LINE www.teatrofraschini.it

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

L'omaggio di Marco Clerici a Vito Pallavicini

L'omaggio di Marco Clerici a Vito Pallavicini

in musica

"Un'estate normale": il videoclip del nuovo singolo di Nek

"Un'estate normale": il videoclip del nuovo singolo di Nek

IL NUOVO SINGOLO ESTIVO

Oltrepo pavese, le 100 meraviglie (+1)

Oltrepo pavese, le 100 meraviglie (+1)

libri

Artisti pavesi omaggiano il Sommo Poeta

Artisti pavesi omaggiano il Sommo Poeta

Vuoi far parte dell’Orchestra Giovanile Ducale?

Vuoi far parte dell’Orchestra Giovanile Ducale?

l'iniziativa

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

pavia

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

san martino siccomario

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia