lo spettacolo

Shakespeare rivive con Ale & Franz

In scena al teatro Cagnoni di Vigevano martedì 18 e mercoledì 19 febbraio alle 20,45

Annalisa Vella

15 Febbraio 2020 - 11:59

Ale, Franz e un cast di consumati attori di teatro sono sette vecchi comici che si presentano al pubblico per interpretare “Romeo e Giulietta - Nati sotto contraria stella”, diretti dall’agile regia di Leo Muscato. Nonostante tutti conoscano la storia, i sette attori malandati vogliono provare a raccontarla osservando il più antico spirito elisabettiano, interpretando tutti i personaggi (anche quelli femminili). Ma le loro buone intenzioni non si sposano con le effettive capacità, o modalità che hanno di stare in scena. Gli spettacoli saranno martedì 18 e mercoledì 19 alle 20,45.

Il teatro Cagnoni accoglierà una tra le più originali coppie comiche degli ultimi anni, Ale e Franz, pronta ancora una volta a mettersi in gioco. I protagonisti non sono più i personaggi del dramma ma gli attori stessi che raccontano prima di tutto loro stessi. Ognuno rappresenta un carattere: l’avanguardista, l’attorone, il promiscuo, e ognuno ha una sua storia che l’ha condotto su quel palcoscenico.
«Io interpreterò Giulietta - anticipa “Ale”, Alessandro Besentini - e per riuscirci è stato necessario un grande lavoro su me stesso, grazie anche al regista Muscato. Giulietta era una ragazzina di 14 anni. Questo ruolo non può diventare una macchietta, non posso far ridere “mio malgrado”. Durante la serata ci si divertirà tantissimo, sarà un gioco meta-teatrale che ovviamente, sul finale, poi si trasformerà in tragedia». Franz, invece, vestirà i panni di Romeo. La genesi dello spettacolo è lunga, 15 anni. Da quando cioè il duo comico ha assistito al primo “Romeo & Giulietta” di Leo Muscato. Da quel momento, ogni anno, hanno chiesto anche loro di poterci essere. «Di nostro - prosegue Besentini - c’è sicuramente l’interpretazione, questa compagnia di “inadeguati” che si muove attorno ad un copione cercando di coprire i propri difetti. Rivali e complici allo stesso tempo, da un lato si rubano le battute, dall’altro si aiutano alla bene e meglio. Non si rendono conto però che quando sono in palcoscenico non riescono a dissimulare in nessun modo i loro rapporti personali, fatti di invidie, ripicche, alleanze, rappacificazioni. Ricordiamo che lo stile è elisabettiano, siamo tutti uomini. Ci aiutano i costumi di Carla Ricotti, assolutamente straordinari».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Pavia, la S. Messa dalla Cattedrale e la benedizione da Piazza Vittoria

Pavia, la S. Messa dalla Cattedrale e la benedizione da Piazza Vittoria

oggi domenica 29 marzo

Coronavirus: quali effetti sul commercio?

Coronavirus: quali effetti sul commercio?

ascom pavia

Pavia-Hildesheim, 20 anni di gemellaggio

Pavia-Hildesheim, 20 anni di gemellaggio

pavia

Davide Ferro: "Un messaggio di positività"

Davide Ferro: "Un messaggio di positività"

L'intervista video

Contrasto alla ludopatia, assistenza anche in emergenza coronavirus

Contrasto alla ludopatia, assistenza anche in emergenza coronavirus

La logisitca CRI per la Lombardia, gestita a Valle Lomellina

La logisitca CRI per la Lombardia, gestita a Valle Lomellina

sala operativa regionale

“Giovani, state a casa”, l’appello dell’assessore Cantoni

“Giovani, state a casa”, l’appello dell’assessore Cantoni

pavia

Uscite ingiustificate: nuovo appello del Comune di Pavia

Uscite ingiustificate: nuovo appello del Comune di Pavia

Dentisti: come comportarsi in questo periodo?

Dentisti: come comportarsi in questo periodo?

il consiglio