in australia

Australia, al Campionato Pokémon anche due lomellini

E a vincere nella categoria Master è l'italiano Marco Silva

Alessio Facciolo

27 Febbraio 2020 - 12:16

Australia, al Campionato Pokémon anche due lomellini

Due lomellini in Australia per inseguire il sogno di diventare campioni di Pokémon. C’erano anche il vigevanese Nicolò Ricucci ed Emanuele Bermani, originario di Gambolò, fra i 300 partecipanti agli Internazionali di Melbourne, la massima competizione dell’Oceania per Pokémon Spada e Scudo, ultimo capitolo videoludico del brand Nintendo. Una manifestazione che, tra le altre cose, ha visto il tricolore sventolare altissimo: ad aggiudicarsi la vittoria finale nella categoria Master è stato infatti l’italiano Marco Hemantha Kaldura Silva.

Da venerdì 21 a domenica 23 febbraio Melbourne si è trasformata nella “Mecca” per gli appassionati di Pokémon: nella seconda città per dimensioni dell’Australia si sono infatti svolti i primi campionati internazionali del 2020 dedicati al noto videogioco dei mostriciattoli tascabili. A prendere parte all’evento, che ha visto la partecipazione di centinaia di gamers da tutto il mondo, anche due “allenatori” originari della Lomellina e trapiantati da qualche anno nel paese dei canguri. «Vivo in Australia dal 2017 – racconta Nicolò Ricucci, 32 anni, sposato, originario di Vigevano e ora account manager a Griffith, New South Wales – mentre Emanuele, che vive a Sidney ed è web developer, abita qui dal 2014. Gli Internazionali si svolgono una volta all’anno in ogni continente: essendo qui vicino per noi è stata una scelta facile, anche perché sapevamo che sarebbero venuti altri giocatori dall’Italia con il paid trip, il viaggio pagato per i top europei». E i cinque italiani in gara si sono comportati in maniera egregia, con il secondo posto nella categoria Senior di Federico Camporesi ma soprattutto con il titolo Master andato nelle mani di Marco Silva, che si è portato a casa i 500 punti ranking per la qualificazione al Mondiale e i 5000 dollari del primo premio. Cifre di tutto rispetto per quello che non è un semplice gioco per bambini: Pokémon, dietro la sua facciata “cartoon”, ha un sistema competitivo complesso e avvincente, con un parterre di centinaia di mostri e mosse tra i quali scegliere per elaborare una strategia vincente, costruire la propria squadra di sei elementi e sfidare i team avversari. Per Ricucci e Bermani non è arrivato nessun piazzamento, ma la soddisfazione di aver ben figurato nonostante l’agguerrita concorrenza: «Io e Lele abbiamo chiuso entrambi con 5 vittorie e 4 sconfitte - rivela Nicolò, soddisfatto dell’esito dei match disputati - io sono
contentissimo così, ho chiuso in positivo il mio primo torneo major rimontando uno 0-2 iniziale. Prima di quest’anno avevo fatto un solo torneo nel lontano 2015: ho ricominciato a febbraio, prima con una premier challenge sempre a Melbourne e poi, appunto, con gli Internazionali». E chissà che tali performance non siano state spinte anche dal tifo arrivato, tramite chat e social, direttamente dal Belpaese: «Mi hanno scritto veramente in tanti per supportarmi: questo torneo è stata un’esperienza
bellissima».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Pavia, manutenzione del verde: le criticità

Pavia, manutenzione del verde: le criticità

il sopralluogo

Conferita la Gran Croce ad Angelo Grassi

Conferita la Gran Croce ad Angelo Grassi

oggi a mede

Eleonora Braghieri, passione cosplayer

Eleonora Braghieri, passione cosplayer

pavia

Mede, festa in piazza per i diciottenni

Mede, festa in piazza per i diciottenni

ieri

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

natura

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

pavia

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

voghera

Trenini turistici, si torna a bordo

Trenini turistici, si torna a bordo

pavia

Teatro Fraschini, via ai restauri

Teatro Fraschini, via ai restauri

pavia