nel carcere di vigevano

Nasce la compagnia teatrale Rumore d’Ali Teatro

In primavera presenterà la nuova produzione

Annalisa Vella

18 Febbraio 2021 - 17:02

Nasce la compagnia teatrale Rumore d’Ali Teatro

Nasce, grazie al progetto Per Aspera ad Astra, RUMORE D'ALI TEATRO, una nuova compagnia teatrale all’interno della Casa di Reclusione di Vigevano, nell'anno in cui il Teatro e i teatranti son stati silenziati.

RUMORE D'ALI TEATRO prende vita dopo 5 anni consecutivi di laboratorio teatrale, a cura di ForMattArt insieme alla regista Alessia Gennari, dentro la Casa di reclusione di Vigevano, realizzato grazie al contributo dei fondi POR FSE 2014-2020 Regione Lombardia. Dall’estate 2020 il progetto Per Aspera ad Astra ha permesso di indirizzare definitivamente l’orientamento del lavoro verso la produzione artistica e la formazione tecnica professionalizzante dei detenuti attori.

«La Compagnia nasce nel 2021, decimo anno di attività di ForMattArt, per mettere un punto - che sia anche d'inizio – ad un 2020 così complesso, a distanza fisica, traballante, incerto, di legami sospesi, di chiusure e di prossimità mediate da computer, in cui, però, non abbiamo mai smesso di esserci, in DAD, su ZOOM, dal vivo, dentro, fuori, ma sempre insieme - spiegano gli ideatori -. Insieme al direttore Davide Pisapia ed educatori della CR Vigevano, insieme all'amministrazione penitenziaria, insieme ai vecchi e nuovi detenuti attori, insieme alla regista, alla responsabile organizzativa Iris Caffelli, alla drammaturga Federica Di Rosa, al coreografo Flavio D'Andrea, grazie a chi non ha mai smesso di credere che è possibile “riconfigurare il carcere attraverso la cultura e la bellezza”. Un progetto che ha come obiettivo principale quello di promuovere il confronto delle migliori esperienze e pratiche di teatro in carcere presenti in diversi istituti italiani, avviando un dialogo e uno scambio di competenze a beneficio della professionalità di tutti i soggetti coinvolti».

NOTE DI REGIA DEL NUOVO PROGETTO

Il nuovo progetto della neonata compagnia affonda le sue radici nel percorso di questi anni. In occasione di un'improvvisazione il gruppo si era trovato a lavorare sul tema dell'attesa. All'incontro successivo uno degli attori detenuti, un ragazzo che prima di iniziare il laboratorio a stento parlava l'italiano, si era presentato con un monologo scritto di suo pugno. Il monologo descriveva un hotel “piccolo e tranquillo”, ironicamente diventato per il suo autore la metafora di un carcere. Questo testo, così ben scritto, così ironico e così spontaneo, è rimasto nel nostro cassetto a lungo, fino a che i recenti eventi non ne hanno evidenziato ancora di più la potenza e l'universalità: l'hotel è metafora del carcere e diventa anche metafora di un luogo chiuso entro cui si volge l'intera vita dell'uomo e si manifesta l'intera gamma dei sentimenti: amore, amicizia, solitudine, frustrazione, entusiasmo, depressione, dipendenza. Un luogo composto di stanze, in cui entri e da cui esci forse diverso, impegnato in un viaggio di trasformazione che si svolge necessariamente senza spostamento fisico, ma che può condurti a importanti e impreviste rivoluzioni. Su questo testo e su queste riflessioni pone le basi il nuovo progetto di spettacolo cui stiamo lavorando insieme al gruppo di attori detenuti, impegnati in questa prima fase in un processo di scrittura creativa. Il progetto nasce già con una vocazione duplice, che considera il momento storico e le difficoltà connesse alla messinscena dello spettacolo dal vivo, in particolare all'interno di un istituto penitenziario. La prima fase del lavoro infatti prevede la realizzazione di una versione digitale del progetto, con la creazione di un percorso virtuale che ci porterà a scoprire in anteprima contenuti video e audio che andranno in un secondo momento a far parte dello spettacolo dal vivo: un viaggio (prima virtuale, poi reale) dello spettatore attraverso le stanze che abitano l'hotel, il carcere, la nostra vita.

SUL NOME DELLA COMPAGNIA:
Nell'autunno del 2019 stavamo provando l'ultima produzione del gruppo, un adattamento di “Aspettando Godot” di Beckett. Nello spettacolo c'è una canzone - del cantautore Canis - il cui titolo riprende Beckett, che ha dato il titolo allo spettacolo: “Fanno rumore d'ali”. Con il gruppo di attori detenuti stavamo cantando la canzone in prova e proprio mentre cantavamo di ali, nel teatro del carcere è entrata una farfalla molto colorata e molto grande, che è venuta a posarsi esattamente al centro del cerchio in cui ci trovavamo per cantare. Ha sbattuto le ali un po', ha fatto un giretto del cerchio, poi se ne è andata. È stata una specie di epifania. Un segno che ci ha emozionato. Cosa ci faceva una farfalla dentro al teatro del carcere, e proprio in quel momento? Che interpretazione dare a questo segno? Quando si è trattato di trovare il nome per il nostro gruppo - già di fatto attivo dal 2016, ma che fino ad ora “anonimo” - è stato abbastanza immediato tornare a quel momento. Le ali di una farfalla, quando sbattono, non le sente nessuno, figurarsi se vola dentro le mura di un carcere. Bisogna avere molta determinazione per percepire, negli altri, e dentro di sé, un suono così piccolo. E bisogna avere molta determinazione per saper trasformare un piccolo suono in un rumore che si fa ascoltare. Fare teatro in carcere è, per noi, questo: intercettare battiti d'ali rinchiusi, e dare loro la voce, lo spazio e la determinazione necessari a diventare rumore, e farsi ascoltare.

ForMattArt è una Associazione Promozione Sociale, che dal 2011 si propone di progettare, promuovere e realizzare attività finalizzate alla trasformazione dei contesti di fragilità sociale attraverso attività artistiche, ArtEducative, culturali, formative, favorendo la costruzione di reti aperte di soggetti pubblici e privati. ForMattArt ha avviato principalmente percorsi artistici in ambiti caratterizzati da forte criticità (persone detenute, minori ad alto rischio - anche in carico ai servizi penali - quartieri periferici, profughi e migranti…).
Attualmente l’associazione è impegnata nella realizzazione di alcuni grandi progetti artistici ed educativi pluriennali in diversi contesti: carcere, infanzia e adolescenza, migrazione.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

pavia

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

san martino siccomario

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Il video

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Pavia

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Zona gialla

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Pavia

Covid, neo laureata subito in campo

Covid, neo laureata subito in campo

Pavia