Esce "Hobby", il primo album

Il pop malinconico degli Amber

L'esordio del quartetto vigevanese.

Davide Maniaci

03 Aprile 2021 - 10:59

Il pop malinconico degli Amber

gli Amber

È pop, ma non il pop solare dei ventenni allo sbaraglio. Il sottofondo sonoro è quella della spiaggia a novembre, quando il sole è già basso e i bagnan- ti non ci sono quasi più. Il crepuscolo, il bambino che gioca da solo quando gli amichetti sono già andati via da tempo. Tutto questo non è un difetto: è solo la lettura di un’epoca, quella degli studenti universitari costretti ad aspettare un treno che forse non passerà mai, verso una metropoli che a volte non li vuole nemmeno.

Si chiama “Hobby”, è il primo album degli Amber edito da G!ga Dischi ed è uscito il 26 marzo.

Si può ascoltare su Spotify o su Apple Music.

Qualche giorno dopo, in una piazza Ducale semideserta, il cantante Riccardo Bruggi ha eseguito il ritornello di "Replica". Una performance nel buio, per colmare il silenzio.

Il quartetto vigevanese, età massima 25 anni, aveva già lanciato i singoli “Porta Genova” (il titolo dice tutto: un traguardo che in realtà è ancora periferia), “Disco punk” e “Replica”. Pubblicare un album in quest’epoca travagliata è una meta gigantesca. Gli Amber non entrano a capofitto nel dolore, lo lambiscono soltanto. Attingono a piene mani dal brit-pop anni ’90, che già declinava quando loro diventavano grandi, con un tocco profondamente personale. “21” apre la scaletta, di nove canzoni appena di cui una strumentale, e detta i tempi con un’intro con effetti elettronici. Poi un testo da vita di tutti i giorni, ma dal punto di vista del ragazzo sensibile che osserva la realtà con ancora un barlume di speranza. I brani sono di ottima fattura. Gli apici: “Disco punk”, che riassume tutto il resto, melodia superba e disperazione latente scandita dal synth usato come coda del ritornello. “Porta Genova”, testamento di giovani già disillusi (bisogna immaginarli con gli occhiali da sole anche di notte) e “Supreme”, chitarra estiva, languida, che attende un ritornello che si libra all’improvviso. Se le radio se ne accorgessero, sarebbe un’hit estiva minore per un album che preferisce mantenere i toni malinconici, anziché quelli esuberanti.

«Vogliamo essere una novità nel panorama attuale – dicono gli Amber – in una scena, quella del pop-indie italiano, fatta di canzoni scarne, dove assoli, intro, outro e sezioni strumentali sembrano pratiche antidiluviane. La raccolta è legata ad esperienze personali, la chiave di lettura è spesso una sorta di nostalgia di tempi migliori come quelli delle scuole superiori dove anche i social erano lontanissimi. Forse era meglio. Questo album ha avuto un periodo di gestazione che supera di molto le gravidanze più lunghe di tutto il regno animale. Se un’elefantessa impiega quasi 2 anni per mettere al mondo un cucciolo, “Hobby” ne ha impiegati circa 4 anni e mezzo per venire alla luce e divenire disponibile al pubblico». Dieci anni di carriera, il sogno di liceali diventati grandi, con la nostalgia perenne. “Hobby” può essere l’inizio di qualcosa di importante.

Gli Amber sono su Facebook e Instagram. Sono Riccardo Bruggi, cantante, Federico Mazzucco, batteria, il bassista Andrea Perego e Giacomo Fabbrica alla chitarra.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Il video

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Pavia

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Zona gialla

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Pavia

Covid, neo laureata subito in campo

Covid, neo laureata subito in campo

Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Giovanni Merlino, presidente di Federalberghi Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Pavia

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

e-book