nel bicentenario della sua morte

Napoleone Bonaparte: su Arte due documentari ripercorrono la vita del generale e imperatore francese

Annalisa Vella

04 Maggio 2021 - 16:15

A duecento anni dalla morte, avvenuta il 5 maggio 1821, su Arte in italiano arrivano due documentari - disponibili gratuitamente - dedicati a Napoleone Bonaparte.
“Napoleone Bonaparte, tra il Destino e la Morte” di Mathieu Schwartz propone una nuova lettura dell’epopea del generale e imperatore francese attraverso sequenze di animazione 2D in rotoscoping e in motion design accompagnate dai commenti di storici e studiosi, e ripercorre i momenti chiave della vita di Napoleone e i suoi incontri e scontri con la Morte, fino a diventare una Leggenda.
“Napoleone - Metternich: l'inizio della fine” di Mathieu Schwartz e Christian Twente è invece un documentario-fiction che ricostruisce il lungo faccia a faccia tra l’imperatore francese e il ministro austriaco del 1813 che decise il destino dell’Europa.

Due secoli fa, il 5 maggio 1821, spirava sull’isola di Sant’Elena Napoleone Bonaparte, una delle figure più famose e controverse della Storia, considerato grande generale e potente capo di stato, ma anche tiranno e oppressore. Indiscutibilmente, però, la sua vita è stata leggendaria e allo stesso tempo fondamentale per la storia del mondo occidentale. Nato in Corsica, dopo la rivoluzione francese del 1789 Napoleone Bonaparte, noto al popolo per i suoi talenti militari, salì al potere in Francia e con la sua "Grande Armée" conquistò gran parte dell'Europa, ordinando riforme territoriali e legali, fino al fallimento della campagna di Russia nel 1812 e alla sconfitta nella battaglia di Waterloo nel 1815, che posero fine al suo regno in Francia e in Europa e lo condussero all’esilio sull’isola di Sant’Elena.

Proprio in occasione del bicentenario della sua morte, il canale culturale Arte in Italiano (arte.tv/it), disponibile gratuitamente in streaming e sottotitolato in italiano, presenta due documentari inediti sulla vita del figlio della Rivoluzione francese auto-incoronatosi Imperatore: “Napoleone Bonaparte, tra il Destino e la Morte” e “Napoleone - Metternich: l'inizio della fine".

Già disponibile su ARTE in italiano e diretto da Mathieu Schwartz, il documentario “Napoleone Bonaparte, tra il Destino e la Morte” (90 minuti) è un’originale rivisitazione dell’epopea napoleonica: il regista concentra il suo film su sette momenti chiave: quelli in cui - tra cannoni, risse, attentati, coltelli, fucili e veleni - ha fronteggiato la Morte in un lungo “passo a due” che ha influenzato la sua vita e contribuito alla sua Leggenda. Un’occasione per rivivere eventi storici come la caduta nel fiume durante la battaglia del Ponte di Arcole o il tentativo di suicidio per avvelenamento, il colpo di stato con cui assume il potere in Francia, la caduta e il primo esilio sull’Isola d’Elba, la successiva riconquista del potere. Fino ad arrivare all’esilio sull’Isola di Sant’Elena, dove viene lentamente annientato da un male interno, probabilmente ulcera o cancro. Negli ultimi anni della sua vita si dedica a disegnare l’immagine che lascerà ai posteri, trasformandosi da despota a martire, accentuando lo scontro con il generale inglese Hudson Lowe, governatore dell’isola. Vent’anni dopo la sua morte, come aveva sperato Napoleone stesso, il suo corpo venne rimpatriato a Parigi, dove è sepolto agli Invalides: l’uomo così è diventato Leggenda. Il documentario è reso unico dalle accurate sequenze di animazione 2D in rotoscoping e in motion design ed è accompagnato dai commenti e dalle osservazioni degli storici e studiosi Patrice Gueniffey, Pierre Branda, Thierry Lentz e Charles-Éloi Vial, della curatrice della mostra del Musée de l'Armée-Hôtel des Invalides Émilie Robbe e dell'accademico Jean-Marie Rouart.

Mathieu Schwartz firma inoltre, insieme a Christian Twente, “Napoleone - Metternich: l'inizio della fine”, che sarà disponibile su Arte in italiano a partire dall’8 maggio 2021. Grazie ad un cast franco-tedesco e al supporto di storici e studiosi come Thierry Lentz ed Émilie Robbe già incontrati nel primo documentario, il documentario-fiction ricrea l’incontro faccia a faccia che nel 1813 portò l'Imperatore francese a suggellare la propria sconfitta, cadendo nella trappola tesa dal ministro austriaco.
Il 26 giugno 1813, Clemente de Metternich, ministro austriaco degli Affari esteri, incontrò Napoleone I nella sua sede a Dresda, capitale del Regno di Sassonia. L'inverno precedente, per la prima volta, la Grande Armata era stata sconfitta e decimata nella disastrosa offensiva russa, dando il via ad una inesorabile caduta dell’immenso impero francese. Mentre al sud la Spagna ribelle ha appena cacciato le sue truppe, al nord la Prussia si è schierata contro la Russia per farle guerra, con il sostegno finanziario della corona britannica. L'imperatore francese è preoccupato e Metternich, consapevole di questa fragilità, è intenzionato a restituire all'Austria una parte del potere che Napoleone gli ha tolto. Lo mette così al muro: se Napoleone non accetterà di negoziare la pace, cedendo una parte significativa delle sue conquiste, l’Austria si schiererà con la coalizione antifrancese. Un incontro memorabile e burrascoso, di oltre nove ore, che decise il destino dell’Europa.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

san martino siccomario

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Il video

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Pavia

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Zona gialla

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Pavia

Covid, neo laureata subito in campo

Covid, neo laureata subito in campo

Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Giovanni Merlino, presidente di Federalberghi Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Pavia