domenica 25 settembre

La lirica da piazza Ducale in tutto il mondo

Grazie al "Premio Etta e Paolo Limiti" e alla presenza di Sky Classica

Annalisa Vella

16 Settembre 2021 - 14:30

La locandina della serata

L’opera lirica da piazza Ducale in tutto il mondo, grazie a «un progetto che si prefigge un duplice scopo: da un lato il forte desiderio di far conoscere l’opera italiana al vasto pubblico, dall’altro tornare a far rivivere e animare i luoghi preziosi di cui il nostro territorio è fecondo». Così l’Associazione Etta & Paolo Limiti onlus, che ogni anno organizza un prestigioso concorso per avviare giovani talenti alla carriera lirica, per volere della presidente avvocato Daria Pesce, per l’edizione del 2021 ha deciso di associare il concorso ad un trittico pucciniano, invitando la commissione giudicatrice a scegliere tra i partecipanti al Premio il cast delle opere, da allestire in luoghi simbolo italiani.

La prima già programmata (“Gianni Schicchi”) sarà allestita proprio a Vigevano in Piazza Ducale sabato 25 settembre, l’altra (“Suor Angelica”) alla Certosa di Casteggio il 28 settembre. Due luoghi selezionati per la loro bellezza e specificità rispetto all’opera lirica che si metterà in scena.

A registrare e poi trasmettere in differita in tutto il mondo da piazza Ducale, la sera di sabato 25, ci sarà il canale Sky Classica. E, forse, anche un canale Mediaset (non ancora confermato). «È un’opportunità importantissima per la città - dice il sindaco Andrea Ceffa - Lo scorso maggio sono stato invitato dall’Associazione al Teatro degli Arcimboldi di Milano ad assistere al Gran Gala del Premio Etta&Paolo Limiti e posso dire che il livello dei giovani che vi partecipano è altissimo. Si tratta del primo grande evento, dopo tanti anni, che si fa in piazza Ducale. Un finale migliore a chiusura degli eventi di “Vigevano Estate” non si poteva immaginare».
«Questo è un evento che richiamerà un pubblico di qualità da fuori Vigevano, e grazie alla presenza di Sky Classica, che trasmette in 38 Paesi nel mondo, una vetrina preziosa per la nostra città», sono le parole dell’assessore alla Cultura Andrea Sala.

Per "Gianni Schicchi" sono previsti 960 posti a sedere, suddivisi in due settori. I palchi (per gli artisti e per l’orchestra) saranno di fronte al sagrato del Duomo, mentre la parte centrale di piazza Ducale (da lampione a lampione) sarà transennata a delimitare le sedute. Il secondo settore, più distante dal palco, sarà dotato di mega schermo. L’ingresso del pubblico sarà da via Santa Croce. Sotto i portici ci sarà libero passaggio, ma probabilmente sarà chiuso l'accesso alla piazza da corso Vittorio Emanuele (riservato agli artisti).

Biglietti primo settore 25 euro, secondo settore 18 euro (+ prevendita).

In vendita on line su ticketone.it, sul sito del Teatro Arcimboldi, e a Vigevano da Civaturs via Dante e Tabaccheria Pipe e Pupi in corso Genova.

 

LA TRAMA: Firenze, anno 1299. Tra i parenti accorsi a vegliare Buoso Donati, morto da poco, si insinua il dubbio che egli abbia lasciato tutto in eredità ai frati. Si apre così la caccia al testamento, che conferma ogni precedente timore. Il giovane Rinuccio, nipote di Buoso e innamorato di Lauretta propone di rivolgersi al padre di lei, Gianni Schicchi, famoso per la sua astuzia. Inizialmente riluttante, convinto dalla figlia espone il suo stratagemma: si sostituirà al cadavere e detterà al notaio un nuovo testamento. È il suo momento e non si lascia sfuggire l’occasione per beffarsi di tutti e riservare per sé i beni più preziosi, compresa la casa in cui si trovano. I parenti attoniti non osano opporsi, considerata la grave pena prevista per chi si sostituisce ad altri e per chi è complice dell’imbroglio. Andato via il notaio, il nuovo padrone di casa scaccia tutti e osserva compiaciuto Lauretta e Rinuccio che amoreggiano. È per il loro bene che ha agito e, rivolgendosi al pubblico, chiede per sé l’attenuante.

Direttore e concertatore: Maestro Giovanbattista Rigon - Orchestra Filarmonica Italiana

Regia: Davide Garattini Raimondi

Personaggi ed interpreti: Gianni Schicchi Domenico Colaianni; Lauretta Francesca Vitale; Zita detta “La vecchia” Patrizia Patelmo; Rinuccio, nipote di Zita Giuseppe Infantino; Gherardo, nipote di Buoso Manuel Rodriguez; Nella, sua moglie Roxana Herrera; Gherardino Chiara Merra; Betto di Signa Lorenzo Mazzucchelli; Simone, cugino di Buoso Paolo Battaglia; Marco. Suo figlio Francesco Bossi; La Ciesca Mara Gaudienzi; Spinelloccio, medico Lorenzo Barbieri; Messer Amantio, notaro Filippo Rotondo; Pinellino, Guccio Nicola Ciulla; Buoso Donati Nicola Ciulla; Un operaio Alessandro Gautiero.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Reti Sonore alla Casa Rotonda: la musica risveglia i luoghi

Reti Sonore alla Casa Rotonda: la musica risveglia i luoghi

l'evento

“Storie di Vino": sabato sul Ponte Coperto  degustazioni di vino ed altre eccellenze

“Storie di Vino": sabato sul Ponte Coperto degustazioni di vino ed altre eccellenze

pavia

Mede, riapre il teatro Besostri

Mede, riapre il teatro Besostri

il concerto

Inaugurata la mostra fotografica "Grandangolo"

Inaugurata la mostra fotografica "Grandangolo"

pavia

Il compleanno? Si festeggia al museo

Il compleanno? Si festeggia al museo

pavia, kosmos

Cultura, chi si ferma è perduto...

Un momento del confronto, sabato 2 ottobre 2021

Cultura, chi si ferma è perduto...

il confronto

Davide Rhoss, l'artista che dipinge con il bitume

Davide Rhoss, l'artista che dipinge con il bitume

Nel video l'intervista con l'artista originario di Mede

Giornata uggiosa? C'è sempre il cinema!

Giornata uggiosa? C'è sempre il cinema!

i film in sala

Inaugurata oggi al Castello Visconteo la mostra "Fons Vitae"

Inaugurata oggi al Castello Visconteo "Fons Vitae"

pavia