Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

cassolnovo

Il ritorno della Fiera agricola

Si delinea il programma della festa di San Bartolomeo, dal 9 all’11

Davide Maniaci

Email:

dade.x@hotmail.it

31 Agosto 2022 - 15:00

Il ritorno della Fiera agricola

Da festa quasi “minore”, soprattutto per la data (era alla fine di agosto ed erano tutti al mare) ad evento di primo piano, come si addice a un co-patrono. San Bartolomeo da cinque anni, a Cassolnovo, si festeggia il secondo weekend di settembre. Il calendario però è già noto da tempo e ha come apice la Fiera agricola.

«Dal mio arrivo qui, cinque anni fa - spiega il parroco, don Cesare Silva - ho da subito cercato di recuperare la festa di San Bartolomeo, spostandola in un periodo più adatto e cercando di proporre eventi che possano unire la comunità, non solo quella parrocchiale».

Il calendario di quest’anno è fitto come avveniva nelle edizioni pre Covid. Venerdì 9 alle 21 in chiesa parrocchiale (dedicata al santo) verrà presentato il volume “Cassolnovo, memorie religiose” dello stesso don Cesare, con un commento musicale all’organo grazie ai maestri Gianluca Petagna, Gianpiero Fornaro e Mauro Banzola insieme al coro parrocchiale. Mentre il banco di beneficenza in oratorio andrà avanti fino al termine degli eventi, con annessa mostra fotografica a cura di Mario Motta e Santo Portento intitolata “Il mondo di Eddy”, sabato 10 settembre ecco l’intermezzo festaiolo.

Il sagrato della chiesa dalle ore 19 diventerà un piccolo ristorante all’aperto con birra, salamella, patate e pesciolini fritti, porchetta in collaborazione coi bar della zona. L’intrattenimento musicale è a cura dei Senso Zero, dei Rideout e dei MeMo, tutti cassolesi.

Domenica quello che tanti aspettano, la Fiera agricola fin dal mattino. Dalle 8, sempre sul sagrato, gli agricoltori esporranno i mezzi di lavoro di ieri e di oggi e gli stessi prodotti dei campi. Dopo la messa, aperitivo in piazza e pranzo di San Bartolomeo nel cortile della canonica con “antipasto lomellino”, risotto, vitello tonnato, patate e torta. Prezzo differenziato tra adulti e bambini e possibilità di asporto da mezzogiorno. Infine, in oratorio, nel pomeriggio, giochi a tema “La spada nella roccia”. «Come è consuetudine ormai - conclude don Silva - tornano esposti nelle vetrine i “cribi”, i setacci coi proverbi cassolesi, e i Bartlamìn a grande richiesta, i biscotti a base di farina di riso».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400