Stop ai lavori da fine gennaio

Vigevano, nuovo ponte: il cantiere è fermo, la Provincia "minaccia” l'impresa

Il presidente Vittorio Poma parla di "gravosa inerzia” della società appaltatrice. Quattro mesi per chiudere i lavori, altrimenti...

Mario Pacali

08 Febbraio 2019 - 15:47

Una mazzata, l'ennesima per il nuovo ponte sul fiume Ticino di Vigevano. Da fine gennaio il cantiere è praticamente deserto. Una situazione di stallo che ha fatto imbestialire la Provincia di Pavia, stazione appaltante dell'opera, che minaccia azioni se i lavori non verranno chiusi entro quattro mesi.

Quattro mesi per concludere i lavori di realizzazione del nuovo ponte sul fiume Ticino. In altre parole l'opera dovrà essere terminata entro i primi giorni di giugno. In caso contrario la Provincia di Pavia, stazione appaltante dell'opera, "si vedrà costretta ad assumere ogni decisione utile per la tutela del preminente interesse pubblico volto al completamento del manufatto e della viabilità di accesso al medesimo”. La nota di piazza Italia è arrivata poche ore fa, firmata dal presidente dell'ente, Vittorio Poma. E si tratta di una vera e propria "minaccia” nei confronti di Polese spa, l'impresa che dal settembre 2015 è subentrata a Cesi (il colosso di Imola fallito nel luglio del 2014 e che a sua volta era subentrata per l'avvio dei lavori nel novembre 2011 alla "Guerino Pivato spa” a sua volta fallita prima di partire con l'opera) e che da gennaio scorso ha iniziato a "rallentare” la presenza in cantiere. Al punto che oggi, all'interno dello stesso, sta operando solo un'azienda per la movimentazione del materiale, "per altro diversa dall'appaltatore principale del cantiere”, sottolinea sempre la Provincia. La direzione lavori, unitamente alla stazione appaltante dell'opera, "ha intimato la rapida conclusione dei lavori strutturali del ponte che, come noto, si riferiscono al completamento per circa 23 dell'impalcato e ad altre attività di messa in opera strutturale”. Quattro mesi, altrimenti scatteranno i provvedimenti previsti dalla legge, che vanno dalle penali sino alla revoca del contratto di appalto.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rosangela

    11 Febbraio 2019 - 11:11

    Chissà come hanno lavorato bene tutte queste ditte che si sono succedute!!! e poi aspettiamo la TAV!!! nel frattempo quando faccio il vecchio ponte che sta a fianco mi faccio sempre il segno delle croce prima di percorrerlo: non si s a mai che crolli visto le sue condizioni! Rosangela Bonardi

    Report

    Rispondi

Tempo libero

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Inaugurazione mostra

“Paesaggi di marcita, dalla terra al latte”

La mostra itinerante

Marina, la gatta sindaco di Gravellona Lomellina

Gatti, domani è la loro festa

La ricorrenza dal 1990

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Un'ereditiera vigevanese protagonista del nuovo romanzo di Pallavicini

Piersandro Pallavicini

Vizi, tic e manie dell'editoria italiana nel nuovo romanzo di Piersandro Pallavicini

in uscita

“Papà”: una commedia per le detenute-attrici

“Papà”: una commedia per le detenute-attrici

in scena al cagnoni

Grazie Gaber!

Giorgio Gaber

Grazie Gaber!

l'omaggio

Al Verdi "The big Raz theory"

Al Verdi "The big Raz theory"

stand up comedy

"Nell'ansa del fiume": Vigevano nei secoli

"Nell'ansa del fiume": Vigevano nei secoli

lo spettacolo