il cortometraggio

A Gambolò "La biblioteca ci sta un botto"

«Cosa ho imparato frequentando la biblioteca? Che è un luogo dove poter essere se stessi». È la testimonianza di una studentessa gambolese che martedì sera era presente all’incontro dedicato ai nuovi progetti per le giovani generazioni.

Ilaria Dainesi

18 Aprile 2019 - 19:30

Durante la serara l'assessore alle politiche sociali Helena Bologna ha presentato i progetti in partenza ed è stato proiettato un cortometraggio, “La biblioteca ci sta un botto”, realizzato da alcuni ragazzi della scuola media con la collaborazione del fotografo e film-maker Pippo Failla. I ragazzi indossano maschere anonime, che tolgono rivelando il volto solo una volta dentro la biblioteca. «Non saremo la generazione che sostituirà le emozioni con le applicazioni», è il messaggio finale.

Sul numero de L'Informatore Vigevanese in edicola l'articolo completo.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

"Vigevano Photo Friends", quarta edizione

"Vigevano Photo Friends", quarta edizione

mostra collettiva

"Bacco al Portone" con il gruppo "Zefiro Ensemble"

"Bacco al Portone" con il gruppo Zefiro Ensemble

A Vigevano

A Vigevano il "Rolling Truck Street Food Festival"

A Vigevano il "Rolling Truck Street Food Festival"

ieri l'inaugurazione

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

sabato sera

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Vigevano, oggi la tradizionale gara dei barcè

Vigevano, oggi la tradizionale gara dei barcè

Domenica pomeriggio

Un black and soul intramontabile in compagnia di Fausto Leali e della sua band

Un black and soul intramontabile in compagnia di Fausto Leali e della sua band

L'intervista

La corsa più colorata del mondo

La corsa più colorata del mondo

a Gambolò