il cortometraggio

A Gambolò "La biblioteca ci sta un botto"

«Cosa ho imparato frequentando la biblioteca? Che è un luogo dove poter essere se stessi». È la testimonianza di una studentessa gambolese che martedì sera era presente all’incontro dedicato ai nuovi progetti per le giovani generazioni.

Ilaria Dainesi

18 Aprile 2019 - 19:30

Durante la serara l'assessore alle politiche sociali Helena Bologna ha presentato i progetti in partenza ed è stato proiettato un cortometraggio, “La biblioteca ci sta un botto”, realizzato da alcuni ragazzi della scuola media con la collaborazione del fotografo e film-maker Pippo Failla. I ragazzi indossano maschere anonime, che tolgono rivelando il volto solo una volta dentro la biblioteca. «Non saremo la generazione che sostituirà le emozioni con le applicazioni», è il messaggio finale.

Sul numero de L'Informatore Vigevanese in edicola l'articolo completo.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

L'omaggio di Marco Clerici a Vito Pallavicini

L'omaggio di Marco Clerici a Vito Pallavicini

in musica

"Un'estate normale": il videoclip del nuovo singolo di Nek

"Un'estate normale": il videoclip del nuovo singolo di Nek

IL NUOVO SINGOLO ESTIVO

Oltrepo pavese, le 100 meraviglie (+1)

Oltrepo pavese, le 100 meraviglie (+1)

libri

Artisti pavesi omaggiano il Sommo Poeta

Artisti pavesi omaggiano il Sommo Poeta

Vuoi far parte dell’Orchestra Giovanile Ducale?

Vuoi far parte dell’Orchestra Giovanile Ducale?

l'iniziativa

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

pavia

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

san martino siccomario

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia