il concorso

"Un poster per la pace", tutti gli studenti premiati

Iniziativa proposta ogni anno alle scuole medie cittadine dal Lions Club Vigevano Sforzesco

Ilaria Dainesi

28 Febbraio 2019 - 07:20

La cerimonia sabato scorso all'auditorium San Dionigi di Vigevano

Di seguito, pubblichiamo il comunicato degli organizzatori dell'iniziativa

Si è svolta sabato scorso all’Auditorium S. Dionigi di Vigevano, la premiazione dei disegni selezionati per l’edizione 2018/2019 del concorso “Un poster per la pace”. L'iniziativa, promossa dal Lions International in tutto il mondo, viene proposta ogni anno alle scuole medie cittadine dal Lions Club Vigevano Sforzesco. Quest’anno il tema era "La solidarietà è importante" e ha coinvolto gli studenti di tutte le scuole medie vigevanesi. La cerimonia di premiazione è stata condotta dalla presidente del Lions Sforzesco Rosangela Giusti, alla presenza della lion Annamaria Gardella, membro del comitato distrettuale Lions per il concorso, dell’assessore Brunella Avalle in rappresentanza dell’amministrazione comunale, nonché di insegnanti, genitori e compagni di scuola degli alunni premiati. La presidente ha sottolineato l’importante valore formativo dell’iniziativa a favore della pace e ha poi illustrato gli esiti del concorso: la partecipazione degli studenti è stata numerosa ed i lavori pervenuti hanno evidenziato un buon livello di padronanza delle tecniche del disegno e una spiccata capacità di interpretazione personale del tema. È seguita la premiazione dei ragazzi, e ciascuno è stato invitato ad illustrare il significato della propria composizione grafica, dei colori e dei simboli scelti per rappresentare il tema. I disegni realizzati da Giovanni Augello della scuola media Besozzi, da Lucrezia Trasa della scuola media Bramante, da Venis Bio della scuola media Bussi, da Benedetta Marino della scuola media Don Comelli, da Paola Radaelli della scuola media Robecchi e da Leonardo Omodeo Salè della scuola media S. Giuseppe sono stati scelti per essere inviati al Distretto Lions per la successiva tappa della selezione a livello distrettuale e nazionale. Sono stati premiati dal club Sforzesco anche i lavori di Emanuele Plotegher e Nada Mohamed della scuola media Besozzi; di Mila Vittoria Lodola , Mattia Melis, Riccardo Maina, Lorenzo Zorzolo e Miriam Cavarsaschi della scuola media Bramante; di Alice Chiesa e Matteo Gabellotti della scuola media Don Comelli; di Daniela Soliman, Iride Anna Vetro, Francesca Paparella, Emma Nocera, Safana Taloi e Arianna Cottino della scuola media Robecchi; Lorenzo Giuliani, Giulia Bellino e Francesca Rapa della scuola media S. Giuseppe; Tommaso Bertocchi, Mattia Faluca ed Edoardo Navarra della scuola media Bussi e un premio speciale per la tecnica ad Alessia Pashuku. La premiazione si è conclusa con un significativo intervento dell’assessore Avalle, che ha ricordato ai ragazzi che la prima forma di solidarietà deve essere quella verso chi ci sta vicino, il compagno di scuola, il ragazzo disabile, l’amico meno fortunato; solo così si potrà creare una solidarietà a livello più ampio, nel mondo, come tanti disegni hanno rappresentato e auspicato.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

IL 2020 SECONDO LA NUMEROLOGIA

IL 2020 SECONDO LA NUMEROLOGIA

Previsioni per il nuovo anno

Le opere di Marco Lodola illuminano l'Ariston

Le opere di Marco Lodola illuminano l'Ariston

il festival

AntonfART: «Le passioni hanno coltivato me»

AntonfART: «Le passioni hanno coltivato me»

il laboratorio

Renato Tassiello, “Il sognatore”

Renato Tassiello, “Il sognatore”

debutto discografico

Franz Pelizza all'Expo d’arte internazionale di Innsbruck

Franz Pelizza all'Expo d’arte internazionale di Innsbruck

fino a domenica

Una villa storica... e Alessandro Manzoni

Una villa storica... e Alessandro Manzoni

storie di lomellina

Dall’Io verso la città-polis

Silvano Petrosino, professore di Filosofia della Comunicazione alla Cattolica di Milano

Dall’Io verso la città-polis

le conferenze

La grande arte? La si vede al cinema

La grande arte? La si vede al cinema

dal 14 gennaio

Dal “Reading book challenge” alle letture silenziose

Dal “Reading book challenge” alle letture silenziose

in biblioteca a gambolò